Missioni internazionali. Qualche spunto di riflessione

Il 19 Marzo scorso il Ministro della Difesa, Roberta Pinotti, ha fornito un quadro aggiornato sulle missioni militari italiane di fronte alle Commissioni riunite Esteri e Difesa di Camera e Senato. Dopo aver osservato un minuto di silenzio per le vittime di Tunisi, il Ministro ha illustrato lo stato delle operazioni condotte dalle forze armate italiane, presentando alcune novità.

Come riportato dal sintetico resoconto fornito dal Ministero della Difesa, i principali nodi affrontati sono stati i seguenti:​”Potenziamento del dispositivo aeronavale nel Mediterraneo, sospensione della nostra attività in territorio libico, termine dell’impiego dei Nuclei militari di protezione imbarcati sulle navi mercantili italiane e stop alla partecipazione alla missione Nato Ocean Shield“.

Fermo restando l’attenzione rivolta alla crisi ucraina e alla missione “Resolute Support” in Afghanistan, è interessante notare almeno tre aspetti-chiave che emergono in maniera evidente dalla discussione:

1) Il Mediterraneo appare sempre più al centro della politica di difesa italiana. Le minacce che provengono dalla sponda sud, la crescente instabilità dell’area, i tradizionali legami con la regione, gli interessi strategici da difendere rappresentano i fattori esplicativi di questa rinnovata attenzione. Come ha evidenziato il Ministro, il Nord Africa rappresenta “la prima delle nostre preoccupazioni”. Nuove operazioni (“Mare Sicuro“) e nuovi scenari (dal punto di vista diplomatico e, forse, anche dal punto di vista militare) indicano come  questa regione sia davvero cruciale per il futuro della politica estera italiana nel suo complesso. La possibilità di un effettivo burden sharing con l’Europa appare ancora lontana dai desiderata di Roma, ma la necessità di un approccio “multidimensionale” alla crisi sembra dai più condiviso. Tra sciocco disinteresse e folle interventismo non si possono ripetere gli errori del passato e farsi rapire dalla dannosa logica dell’emergenza. L’ISIL (contro il quale l’Italia schiera già centinaia di militari nell’operazione a guida americana in Medio Oriente) non può rappresentare l’unica preoccupazione di una politica attenta verso la complessità della regione.

2)  L’impegno nazionale nella lotta alla pirateria, una delle attività cruciali della politica di difesa italiana degli ultimi anni, sta mutando. Come riportato dal sito del Ministero: “L’Italia continuerà a partecipare alla missione Atalanta, ma terminerà l’impiego dei Nuclei militari di protezione imbarcati sulle navi mercantili italiane e interromperà la partecipazione alla missione Nato Ocean Shield. Decisione presa “considerato il positivo trend rappresentato dalla diminuzione degli attacchi dei pirati negli ultimi mesi, nonché l’ormai avvenuto perfezionamento delle procedure che consentono di ricorrere alla difesa dei mercantili”. Quindi, se la complessa vicenda dei Marò appare in un certo senso congelata, la politica nazionale in materia di lotta alla pirateria sta invece cambiando. Data la centralità del tema, sarebbero auspicabili analisi dettagliate che guardassero a quanto fatto in questi anni, al fine di trarne preziose lezioni apprese. Ma il livello del dibattito italiano sulle questioni della Difesa rimane purtroppo molto basso (anche in “Accademia”).

3) Nell’attesa (adesso sinceramente lunga..) del prossimo Libro Bianco della Difesa, saranno numerose le missioni  che “vedranno una riduzione o sospensione dell’impegno italiano, in un’ottica di razionalizzazione, in linea con quanto annunciato al Parlamento lo scorso settembre”. Si tratta della conferma di una tendenza già in atto da anni, una riduzione complessiva dell’impegno militare oltre frontiera. Aspettiamo di leggere con ansia il Libro Bianco per capire se tale processo sarà guidato unicamente da considerazioni economico-finanziarie o se anche più ampie riflessioni strategiche avranno un peso rilevante. Cerchiamo di essere ancora ottimisti. Per un altro po’ almeno…

 

 

Share Button

Comments

  1. says

    The movie review paper should be composed in such a way that it touches and gets to the intended audience.
    The tools are somewhat limited and geared towards those who do not have professional training, Fast and Furious 7 Film complet a guide to Windows Movie Maker may be just what newbies need to get started
    putting together their own video masterpieces. Ajay’s performance was appreciated in both the movies.

  2. says

    Hi, this weekend is fastidious in favor of me, ffor the reason that
    this time i am reading this wonderful educatilnal paragrapoh here at my house.

  3. says

    Downloading mobile games along with information on the storage capacity you have
    an idea you may as well as the distance from every jetpack
    joyride hack other plane. There is a number of mobile gaming experience.
    Before, desktop Games jetpack joyride hack and video games.
    With each different level.

  4. says

    Howdy! This is my first comment here so I just wanted to give
    a quick shout out and say I genuinely enjoy reading your blog
    posts. Can you suggest any other blogs/websites/forums
    that cover the same topics? Thanks for your time!

  5. says

    Excellent blog! Do you have any suggestions for aspiring writers?
    I’m hoping to start my own website soon but I’m
    a little lost on everything. Would you advise starting with
    a free platform like WordPress or go for a paid option? There are so many options out there that I’m
    completely confused .. Any suggestions? Bless you!

    Here is my web blog: Candy crush

  6. says

    Write more, thats all I have to say. Literally, it
    seems as though you relied on the video to make your point.
    You obviously know what youre talking about, why waste your intelligence on just posting videos to your
    site when you could be giving us something informative to read?

  7. says

    Vast majority all the GTA 4 Cheats & codes you
    could enter into reduces by waay oof triggering quite a few feats located att court, this in essence means which you will likely
    not should really possess tested these products on your own personalized ‘proper’ protect activity.
    Kunzite and Garnet sserve as the major crosstown streets.
    Locals pooh-pooh Star Junction as too bright, too loud, and
    too full of tourists.

    Feel free to surf to my page – gta 5 money hack

  8. says

    Normally I do not learn post on blogs, however I would
    like to say that this write-up very compelled me to take
    a look at and do so! Your writing style has been surprised me.
    Thanks, very great article.

  9. says

    I know this if off topic but I’m looking into starting my own blog
    and was curious what all is required to get setup?

    I’m assuming having a blog like yours would cost a pretty penny?
    I’m not very internet savvy so I’m not 100% certain. Any suggestions or advice would be
    greatly appreciated. Many thanks

  10. says

    As a homeowner, you will have maintenance and other related
    costs to keep your drain system running efficiently.
    This tool is a long, hollow, transparent piece of
    plastic branded with one-foot accretion. Today there are various insulation materials
    that are used directly over the exterior of the tire
    before the finish is applied.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

code