Workshop “Conflitti e instabilità in Nord Africa e Sahel. Il rapporto tra crimine organizzato, terrorismo e sovranità”

Segnaliamo questo interessante workshop organizzato al Dipartimento di Scienze Politiche (DISPO) dell’Università di Genova. Il Seminario si svolgerà mercoledì 12 Aprile 2017 16-18 (Aula 19). 

Qui trovate altre informazioni sull’evento.

Il workshop ha l’obiettivo di esaminare l’arco di instabilità che caratterizza la sponda meridionale del Mediteranno, con particolare riferimento alla Libia e al Sahel. L’obiettivo sarà quello di illustrare la recente evoluzione dei conflitti locali, il ruolo di organizzazioni criminali e terroristiche, e la complessa relazione tra gli stati dell’area ed i paesi europei in rapporto ai temi della sicurezza. Il workshop cerca di esaminare in modo approfondito tali argomenti grazie alla vasta conoscenza in materia degli autori, i quali da anni svolgono ricerca sul campo.

Nel workshop interverranno:

Luca Raineri Scuola Superiore Sant’Anna e Francesco Strazzari NUPI e Scuola Superiore Sant’Anna

Introduce il seminario Giampero Cama, DISPO, Università di Genova. Modera Fabrizio Coticchia DISPO, Università di Genova.

L’incontro si svolge all’interno del ciclo di seminari “Guerra, Pace e Sicurezza alle porte del Mediterraneo” che si pone lo scopo di approfondire i temi relativi all’evoluzione della sicurezza internazionale attraverso una serie di workshop e convegni con accademici, politici, giornalisti, esperti e practitioner del settore. Tali eventi, direttamente collegati al corso “Guerre, Conflitti e Costruzione della Pace”, sono aperti a tutti gli studenti.

Ci vediamo a Genova

Share Button

“Guerra, Pace e Sicurezza alle Porte del Mediterraneo” (2017)

Anche quest’anno il Dipartimento di Scienze Politiche (DISPO) dell’Università di Genova organizza il ciclo di seminari. “Guerra, Pace e Sicurezza alle Porte del Mediterraneo”, che si pone lo scopo di approfondire i temi relativi all’evoluzione della sicurezza internazionale attraverso una serie di workshop e convegni con accademici, politici, giornalisti, esperti e practitioner del settore.

Tali eventi, direttamente collegati ai corsi “Guerre, Conflitti e Costruzione della Pace” di Andrea Catanzaro e del nostro Fabrizio Coticchia, e del corso di Relazioni Internazionali di Giampiero Cama, sono aperti a tutti gli studenti.

Qui i tre seminari organizzati per Marzo e Aprile.

Il seminario esamina il complesso processo di integrazione del mercato europeo della difesa alla luce dei più recenti eventi (“Brexit”, EU Global Strategy, European Defence Action Plan, elezione del Presidente Trump) e le sue possibili implicazioni politiche e istituzionali. Alla fine del seminario saranno brevemente presentate le attività di stage proposte dallo IAI – Istituto Affari Internazionali di Roma.

Il workshop ha l’obiettivo di esaminare l’evoluzione del rapporto tra ricerca scientifica, informazione e movimenti nell’ambito degli studi sulla pace e la sicurezza in Italia. Il recente rapporto di “Osservatorio Mil€x” sulle spese militari in Italia rappresenta una interessante occasione per affrontare i temi della difesa e della sicurezza dal punto di vista “empirico”. Appare sempre più opportuno, infatti, interrogarsi sullo stato della “peace research” in Italia, per comprenderne le cause del lento affermarsi nella penisola e le caratteristiche dei più recenti sviluppi.

Il workshop ha l’obiettivo di esaminare l’arco di instabilità che caratterizza la sponda meridionale del Mediteranno, con particolare riferimento alla Libia e al Sahel. L’obiettivo sarà quello di illustrare la recente evoluzione dei conflitti locali, il ruolo di organizzazioni criminali e terroristiche, e la complessa relazione tra gli stati dell’area ed i paesi europei in rapporto ai temi della sicurezza. Il workshop cerca di esaminare in modo approfondito tali argomenti grazie alla vasta conoscenza in materia degli autori, i quali da anni svolgono ricerca sul campo.

Ci vediamo a Genova (ci saranno delle grosse novità per il secondo anno del workshop su “Conflicts&Institutions di Giugno…stay tuned)

Share Button

Renzi, l’ISIL e la politica estera italiana

Le minacce poste dell’ISIL e le modalità con le quali sconfiggere il sedicente Califfato hanno rappresentato i temi cruciali delle relazioni internazionali nel 2015. Gli attentati in Francia e in Medio Oriente, la guerra in Siria e in Iraq hanno naturalmente conquistato l’attenzione mediatica nell’anno che sta per giungere al termine.

Pertanto appare importante esaminare in dettaglio le scelte compiute dal governo italiano in materia. In seguito agli attacchi di Parigi, infatti, l’Italia ha deciso di “non mettersi l’elmetto”, come titolava il giornale di riferimento del governo. Occorre fare maggiore chiarezza su questo punto, al di là delle polemiche partitiche e delle strumentalizzazioni varie.

Tre dati vanno ricordati come premessa per un’adeguata riflessione:

  • L’Italia è impegnata militarmente nella colazione anti-ISIL a partire dall’Agosto del 2014, attraverso l’operazione “Prima Parthica” (qui per un dettaglio), basata su attività quali aiuto umanitario (nella primissima fase dell’intervento), addestramento di forze di sicurezza locali, voli di ricognizione. In poche parole, il tanto decantato attivismo tedesco (??) non è niente di più di quello che Roma fa da più di un anno ormai;
  • L’Italia da vari lustri fornisce un contributo considerevole alla sicurezza regionale e internazionale, dall’Afghanistan al Libano, dalla Somalia ai Balcani (in attesa di capire cosa fare in futuro Libia). Nel Mediterraneo, per esempio, l’impegno nazionale è significativo ormai da mesi. Anche in questo caso, non c’è paragone tra il dinamismo della politica di difesa italiana e quella tedesca (per una volta, partite di pallone escluse, a favore dell’Italia…). Certamente, soprattutto dall’inizio della crisi finanziaria il contributo militare italiano si è ridotto (per un’analisi dettagliata della trasformazione militare italiana nell’era post 2001 italiana si veda qui) per quanto esso rimanga considerevole anche in termini qualitativi (grazie all’esperienza accumulata nel tempo e ad asset-chiave, come Carabinieri e Genio);
  • Sebbene, quindi, non ci sia alcun “immobilismo” italiano, il governo ha certamente  agito con estrema prudenza in seguito alla richiesta francese di maggior impegno militare contro l’ISIL (in particolare attraverso i bombardamenti alle postazioni del Califfato). Una prudenza effettivamente diversa dal tradizionale approccio post-bipolare italiano all’impiego delle forze armate all’estero, molto dinamico e pronto a fornire il proprio supporto agli alleati (come avvenuto in tutte le principali aree di crisi degli ultimi venticinque anni). In altre parole, molti si sarebbero aspettati una maggiore disponibilità nel promuovere azioni d’attacco al suolo iracheno, data la presenza dei Tornado già al fronte (e come peraltro paventato già in passato come ipotesi percorribile). Solo dopo molte settimane il governo ha annunciato l’invio di nuovi soldati a Mosul, in seguito alle parole di Obama relative ad un impegno maggiore degli alleati. Un conto, quindi, è rispondere agli Stati Uniti e un altro è farlo rispetto alla Francia, pur in seguito al dramma deghi attentati di Parigi.

In sintesi quindi, occorre esaminare le possibili variabili esplicative di tale (apparente) discontinuità. Quali sono gli aspetti-chiave che permettono di capire l’approccio nazionale al contrasto dell’ISIL? Più in generale, quali sono le determinanti della politica estera e  di difesa del governo Renzi?

Come già illustrato in un precedente post, tali domande sono alla base di una ricerca che stiamo conducendo (considerando non solo il caso dell’ISIL ma anche altri ambiti di politica estera e di difesa, dalla Russia all’Unione Europea fino al tema dell’immigrazione) e che presenteremo alla prossima conferenza dell’International Studies Association ad Atlanta (Marzo 2016).

In via preliminare, possiamo illustrare alcune possibili spiegazioni (non mutuamente esclusive) delle scelte finora compiute del governo:

1)   Dall’emergere della crisi economica l’Italia ha obbligatoriamente modificato il proprio approccio ai temi di difesa e sicurezza. I constraints finanziari non consentirebbero più di sostenere quel livello di impiego delle forze all’estero che aveva contraddistinto l’Italia dalla fine della Guerra Fredda. Come in Mali così in Iraq, l’Italia non può essere ovunque perché non ha più le risorse. Questo porterebbe quindi ad una maggiore prudenza nell’uso della forza all’estero;

2)   Come ampiamente sottolineato dal governo e dal premier, le lezioni apprese degli interventi del passato (la Libia in primis) dovrebbero consigliare una maggiore cautela nell’impiego della forza militare per sconfiggere gruppi come l’ISIL. Più in generale, sono altri gli strumenti che dovrebbero essere privilegiati per combattere il terrorismo (da qui il focus governativo sulla “cultura” fino alla sempre più dibattuta cyber-security);

3)   Sebbene l’attenzione mediatica si sia “riversata” in Iraq e Siria, le crisi regionali degne di nota sono purtroppo molte altre. Le minacce poste all’Italia da aree strategicamente più rilevanti (di nuovo la Libia) imporrebbero di “prioritizzare” gli interventi, agendo con più cautela tra Bagdad e Damasco (senza dimenticare la centralità del rapporto con Stati Uniti e NATO, come emerso dalla volontà di non diminuire gli effettivi presenti in Afghanistan).

4)   La dimensione interna, infine, non può essere trascurata per capire le scelte dell’esecutivo. Secondo una spiegazione “domestica”, il focus principale del premier (come sottolineato a ripetizione durante la consueta conferenza stampa di fine anno) sono le riforme istituzionali ed economiche. Cioè la politica interna. Mostrare il fianco a possibili critiche dell’opposizione (dalla minoranza PD ai 5stelle) in seguito a una scelta ardita e potenzialmente impopolare di politica estera (cioè una missione di bombardamenti contro l’ISIL) sarebbe stato molto rischioso per Renzi.

Per schematizzare brutalmente, quindi: variabile economica, culturale, strategica o domestica?

In seguito ad un’analisi più approfondita (basata su interviste, documenti ufficiali, dibattito parlamentar e fonti secondarie) cercheremo di fornire qualche risposta più strutturata.

Share Button

Il Dilemma della sicurezza europea: Est e/o Sud?

Una grande canzone pop trash degli anni 90 aveva come ritornello i quattro punti cardinali. Da quello che leggiamo e vediamo rispetto al contesto della sicurezza europea, il dibattito pare sempre più orientato attorno a  dilemma che si lega a due direzioni possibili della bussola: l’Est e il Sud. Da dove proviene la “minaccia principale” per i paesi europei?

La prima possibile riposta riguarda il  “fronte orientale“, caratterizzato dall’esplosione della crisi Ucraina, dalla politica estera russa, dalla guerra “ibrida”, attorno alla quale tanto si è discusso. I paesi dell’Europa orientale, a partire dalla Polonia e dagli stati Baltici, sono naturalmente iper-preoccupati delle conseguenze legate al coinvolgimento militare Russo nel conflitto ucraino e ai possibili cambiamenti geopolitici nell’area. Stati Uniti, NATO ed alleati hanno cercato di rassicurarli, attraverso il  dispiegamento di forze e la creazione di nuovi strumenti ad hoc come la NATO Readiness Action Plan (RAP). Il summit in Galles aveva proprio la RAP come principale novità ed il fulcro della riflessione strategica ruotava attorno alla crisi Ucraina e al nuovamente complesso rapporto con la Russia.

Tre brevi considerazioni vanno fatte in merito al “fronte orientale” come focus prioritario dell’Alleanza Atlantica e dei paesi europei in generale.

1) Nonostante nel passato l’attenzione generale si sia concentrata sul crisis management e sulle missioni in aree di crisi, soprattutto nel contesto post 11-Settembre, la difesa collettiva rappresenta sempre il core business della NATO. Un aspetto che i membri “orientali” dell’Alleanza non fanno che ricordare.

2) A fronte di scenari complessi, minacce asimmetriche, conflitti tra gruppi armati irregolari, terrorismo, stati fragili o falliti, è in effetti “più facile” capire lo scenario ucraino dal punto di vista prettamente militare e strategico. In altre parole, per le élite politiche e militari atlantiche la difesa territoriale rappresenta un concetto più agile da maneggiare, meno difficile da interpretare (sappiamo almeno chi è l’avversario, conosciamo abbastanza le sue caratteristiche e risorse, etc.). Dopo decenni di Guerra Fredda le forze armate europee si sono dovute adattare e trasformare per affrontare contesti completamente nuovi. Un ritorno al passato, pur con le notevoli ed evidenti differenze, potrebbe anche inconsciamente essere accettato più facilmente. Anche dal punto di vista del weapons procurement, dopo anni nei quali molti si chiedevano il perché dover continuare ad acquistare mezzi da Guerra Fredda per missioni contro guerriglieri e gruppi criminali, adesso è certamente più semplice giustificare tale scelta.

3) Non tutti i paesi europei la pensano allo stesso modo nei confronti della Russia. Gli interessi economici in gioco sono enormi e la cautela si impone d’obbligo per quelle nazioni che hanno sviluppato un’ampia rete di rapporti commerciali con Mosca, a partire dal tema della dipendenza energetica. L’Italia lo sa bene.

In aggiunta a queste riflessioni generali, ora che Putin sembra orientare l’attenzione verso la Siria, dobbiamo domandarci se cambierà davvero qualcosa rispetto alla centralità del “fronte orientale” per la NATO in primis ed anche per l’Europa in generale? Che ruolo può avere in tutto ciò l’UE, che sta ripensando lo propria strategia globale? Quale direzione diplomatica prenderà l’amministrazione Obama? Che cosa emergerà dal prossimo summit dell’Alleanza Atlantica? Che cosa diranno i paesi europei che affacciano sul Mediterraneo?

Per rispondere occorre tenere presente la crescente importanza del “fronte sud” per la sicurezza europea ed atlantica. Il dramma dei rifugiati è solo l’ultima manifestazione evidente del caos e dell’instabilità nella regione. Dalla Libia alla Siria, passando per Iraq e Sahel, la multi-dimensionalità della minaccia (che lega terrorismo a network criminali, passando per l’ISIL) appare sempre più incombente.

Se Polonia e paesi Baltici sono preoccupati per la politica di Mosca [Venus in Arms rifugge la scontata e banale figura retorica dell’Orso Russo, più adatta ad altri ambiti..], Madrid, Roma e Atene non possono che far sentire la propria voce di “frontiera” di fronte dei mutamenti al di là del Mediterraneo. Gli stati europei hanno fatto pochissimo sul piano dell’aiuto allo sviluppo e hanno commesso errori strategici gravissimi accanto all’alleato amerciano negli ultimi tre lustri. Ogni soluzione d’emergenza adesso non può che dimostrarsi fallace, dall’immigrazione all’ISIL.

Per questo occorre capire in che modo il “fronte sud” possa nuovamente acquistare un peso cruciale nella riflessione strategica complessiva in ambito NATO ed europeo.

Che cosa farà l’Italia, al di là degli sforzi volti a una migliore redistribuzione del numero di profughi tra i paesi europei? Una domanda alla quale non possiamo ancora dare una riposta chiara. Di sicuro sarebbe importante evitare il ruolo del biondino  nel sopra citato duo: muoversi e affannarsi per avere visibilità senza svolgere in fondo alcun compito di rilievo.

Share Button

Eunavformed, “prima missione europea contro gli scafisti”?

Il Ministro della Difesa, Roberta Pinotti, ha illustrato di fronte alla Commissione Affari Costituzionali del Senato, il “ruolo e azioni della Difesa di fronte al fenomeno dei flussi migratori e di rifugiati che raggiungono l’Italia. Il Ministro è intervenuta nell’ambito dell’indagine conoscitiva sull’immigrazione promossa da questa Commissione.

Qui la trascrizione dell’intervento completo del Ministro.

Sono state descritte le varie operazioni alle quali partecipa la Difesa in materia di immigrazione, quali “Mare Sicuro”, “avviata il 12 marzo 2015 a seguito degli sviluppi della crisi libica – con compiti di sorveglianza, protezione e sicurezza marittima”. Durante l’intervento il Ministro ha citato anche la partecipazione a  Triton, missione volta al controllo delle frontiere a guida EU (attraverso l’Agenzia Frontex).

Una particolare attenzione è stata dedicata alla missione europea EUNAVFORMED, definita come “la prima missione contro gli scafisti“, il cui compito è contribuire a “smantellare il modello di business delle reti del traffico e della tratta di esseri umani nel Mediterraneo centromeridionale”. 14 Paesi europei sono coinvolti nella missione, posta sotto il Comando operativo dell’Ammiraglio Enrico Credendino.

Venus in Arms ha già affrontato il tema del (complesso) rapporto tra Difesa italiana e flussi migratori qui e qui.

Per un’analisi dettagliata delle recenti missioni nazionali nel Mediterraneo rimandiamo al “nostro libro“, appena uscito, nel quale viene illustrato il percorso di trasformazione delle forze Italiane, comprendendo anche le azioni navali svolte in Libia e Libano.

 

 

Share Button

L’Italia e la minaccia jihadista. Quale politica estera?

Oggi Venus in Arms sarà a Milano, all’ISPI (Istituto per gli Studi di Politica Internazionale) per presentare il volume “L’Italia e la minaccia jihadista. Quale politica estera?”, a cura di Stefano M. Torelli e Arturo Varvelli.

Fabrizio Coticchia, di ViA, ha contribuito al volume con un capitolo relativo alla politica di difesa italiana e la minaccia jihadista. Dopo aver illustrato l’evoluzione della dottrina nazionale in materia di “nuove minacce”, l’analisi si è concentrata sulla principali lezioni apprese in questi anni di missioni militari, dal ruolo dell’intelligence all’addestramento delle forze di sicurezza locali. La descrizione dell’attuale impegno in Iraq (e Libia) precede alcune raccomandazioni che vengono elaborate in conclusione al capitolo.

Qui il link dove scaricare il rapporto, appena uscito in formato e-book

Come riassunto dal sito dell’ISPI: L’ascesa dello “Stato Islamico” e la competizione con la vecchia al-Qaida sembrano attivare dinamiche molto rischiose per un’intera area geopolitica – dai Balcani al Maghreb – già instabile, ma altamente rilevante per gli interessi dell’Unione europea e dell’Italia in particolare. Qual è la reale portata di questa minaccia? Quali i paesi più a rischio? Quali le implicazioni per la nostra politica estera e di difesa e per la sicurezza del nostro paese?

Il volume si pone lo scopo di rispondere a queste domande.

Il rapporto è stato presentato anche a Roma l’8 maggio alla presenza del Ministro degli Affari Esteri Paolo Gentiloni.

Oggi (nella sede dell’ISPI, via Clerici 5 Milano, alle 17.30) saranno presenti:

Andrea BECCARO (Freie Universität – Berlino), Fabrizio COTICCHIA (Università di Genova), Lia QUARTAPELLE (Camera dei Deputati), Riccardo REDAELLI (ISPI e Università Cattolica di Milano) e Arturo VARVELLI (ISPI).

Qui le informazioni per poter partecipare all’evento.

Qui invece la diretta streaming

 

Share Button

Un’altra Difesa è possibile?

In un precedente post abbiamo affrontato il tema delle “contro-narrazioni strategiche” adottate da partiti e movimenti al fine di contrastare l’acquisto dei controversi caccia F-35. Le principali conclusioni alle quali giungeva l’articolo analizzato (qui – gated- la versione del paper presentato all’Annual ISA Conference di New Orleans – Febbraio 2015 ) evidenziavano la capacità delle contro-narrazioni elaborate in questi anni dai “movimenti pacifisti” e di alcune formazioni politiche in parlamento nel “guidare” il dibattito, concentrando l’attenzione sui costi e sui problemi del programma.

Al di là dei tradizionali frame valoriali del movimento (legati appunti alla pace e alla non violenza), il costante collegamento tra la crisi economica e la spesa per il caccia ha permesso di orientare la discussione secondo la prospettiva suggerita dalla campagna contraria agli F-35 (“Taglia le ali alle armi”), alimentando più di un dubbio sulla sua presunta efficacia e rilevanza. Il dato innovativo è rappresentato dalla capacità di questi attori di andare oltre all’immagine diffusa e stereotipata dei movimenti pacifisti, dimostrando elevata competenza tecnica e risultando così attori cruciali del dibattito, sia nei media sia in Parlamento (soprattutto quello dell’attuale Legislatura, molto più sensibile al tema dei precedenti).

Il paper metteva in luce una considerevole distanza tra questo livello di expertise e quello che abitualmente  emerge tra gli stessi soggetti in relazione ad una altro tema centrale in materia di difesa e sicurezza: le missioni militari all’estero.  Qui non si riscontra, infatti, lo stesso livello di innovatività nella (e nelle) contro-narrazione(i) ed i frame principali attengono quasi unicamente alla dimensione valoriale, legata alla pace, al multilateralismo, alle bandiere arcobaleno.

Perché tale differenza? Forse a causa dei temi (non così tecnici come quelli connessi ai sistemi d’arma) o forse per il ruolo svolto dalla “retorica delle missioni di pace” (base della narrazione dominante e capace di deprivare la contro-narrazione di una delle sue componenti-chiave). Sta di fatto che nelle ultime occasioni nelle quali si è dibattuto di operazioni all’estero (per esempio nel caso della guerra in Libia) la discussione è stata sempre guidata dalla narrazione dominante e frame realmente alternativi, riguardanti la dimensione strategica o quella dell’efficacia (come per l’F-35), sono emersi davvero raramente.

Proprio per questo motivo occorre seguire con interesse la campagna promossa da vari movimenti pacifisti e disarmisti denominata “Un’altra Difesa è possibile”. Cercando di andare oltre un iniziale scetticismo (spesso legato a proposte a prima vista apparentemente “utopiche”) che cosa emerge?

Il sito che promuove la campagna così descrive l’iniziativa: “Di fronte alla drammatica crisi economica e sociale del Paese, che sostanzialmente non ha sfiorato lo strumento militare, vogliamo fare un passo in avanti, promuovendo congiuntamente la Campagna per il disarmo e la difesa civile, lanciando la proposta di legge di iniziativa popolare per l’istituzione e il finanziamento del Dipartimento per la difesa civile, non armata e nonviolenta […] o strumento politico della legge di iniziativa popolare vuole aprire un confronto pubblico per ridefinire i concetti di difesa, sicurezza, minaccia, dando centralità alla Costituzione che “ripudia la guerra” (art. 11), afferma la difesa dei diritti di cittadinanza ed affida ad ogni cittadino il “sacro dovere della difesa della patria” (art. 52) […]Il finanziamento della nuova difesa civile dovrà avvenire grazie all’introduzione dell’”opzione fiscale”, cioè della possibilità per i cittadini, in sede di dichiarazione dei redditi, di destinare una certa quota alla difesa non armata…”

Vedremo, in altre parole, se i frame introdotti nella campagna sapranno efficacemente rappresentare un’alternativa alla visione bipartisan che ha caratterizzato la politica di difesa italiana nel contesto post-bipolare. Il dato davvero importante, ancora una volta, sarà la capacità di alimentare un dibattito sui temi della difesa. Ben venga, quindi, la discussione “ideologica”, che metta cioè a confronto visioni del mondo diverse e non si limiti alla pura retorica superficiale, cercando se possibile di arrivare anche alla dimensione strategica e politica dei temi affrontati.

Ah, il tutto in attesa dell’agognato Libro Bianco…

Share Button

Missioni internazionali. Qualche spunto di riflessione

Il 19 Marzo scorso il Ministro della Difesa, Roberta Pinotti, ha fornito un quadro aggiornato sulle missioni militari italiane di fronte alle Commissioni riunite Esteri e Difesa di Camera e Senato. Dopo aver osservato un minuto di silenzio per le vittime di Tunisi, il Ministro ha illustrato lo stato delle operazioni condotte dalle forze armate italiane, presentando alcune novità.

Come riportato dal sintetico resoconto fornito dal Ministero della Difesa, i principali nodi affrontati sono stati i seguenti:​”Potenziamento del dispositivo aeronavale nel Mediterraneo, sospensione della nostra attività in territorio libico, termine dell’impiego dei Nuclei militari di protezione imbarcati sulle navi mercantili italiane e stop alla partecipazione alla missione Nato Ocean Shield“.

Fermo restando l’attenzione rivolta alla crisi ucraina e alla missione “Resolute Support” in Afghanistan, è interessante notare almeno tre aspetti-chiave che emergono in maniera evidente dalla discussione:

1) Il Mediterraneo appare sempre più al centro della politica di difesa italiana. Le minacce che provengono dalla sponda sud, la crescente instabilità dell’area, i tradizionali legami con la regione, gli interessi strategici da difendere rappresentano i fattori esplicativi di questa rinnovata attenzione. Come ha evidenziato il Ministro, il Nord Africa rappresenta “la prima delle nostre preoccupazioni”. Nuove operazioni (“Mare Sicuro“) e nuovi scenari (dal punto di vista diplomatico e, forse, anche dal punto di vista militare) indicano come  questa regione sia davvero cruciale per il futuro della politica estera italiana nel suo complesso. La possibilità di un effettivo burden sharing con l’Europa appare ancora lontana dai desiderata di Roma, ma la necessità di un approccio “multidimensionale” alla crisi sembra dai più condiviso. Tra sciocco disinteresse e folle interventismo non si possono ripetere gli errori del passato e farsi rapire dalla dannosa logica dell’emergenza. L’ISIL (contro il quale l’Italia schiera già centinaia di militari nell’operazione a guida americana in Medio Oriente) non può rappresentare l’unica preoccupazione di una politica attenta verso la complessità della regione.

2)  L’impegno nazionale nella lotta alla pirateria, una delle attività cruciali della politica di difesa italiana degli ultimi anni, sta mutando. Come riportato dal sito del Ministero: “L’Italia continuerà a partecipare alla missione Atalanta, ma terminerà l’impiego dei Nuclei militari di protezione imbarcati sulle navi mercantili italiane e interromperà la partecipazione alla missione Nato Ocean Shield. Decisione presa “considerato il positivo trend rappresentato dalla diminuzione degli attacchi dei pirati negli ultimi mesi, nonché l’ormai avvenuto perfezionamento delle procedure che consentono di ricorrere alla difesa dei mercantili”. Quindi, se la complessa vicenda dei Marò appare in un certo senso congelata, la politica nazionale in materia di lotta alla pirateria sta invece cambiando. Data la centralità del tema, sarebbero auspicabili analisi dettagliate che guardassero a quanto fatto in questi anni, al fine di trarne preziose lezioni apprese. Ma il livello del dibattito italiano sulle questioni della Difesa rimane purtroppo molto basso (anche in “Accademia”).

3) Nell’attesa (adesso sinceramente lunga..) del prossimo Libro Bianco della Difesa, saranno numerose le missioni  che “vedranno una riduzione o sospensione dell’impegno italiano, in un’ottica di razionalizzazione, in linea con quanto annunciato al Parlamento lo scorso settembre”. Si tratta della conferma di una tendenza già in atto da anni, una riduzione complessiva dell’impegno militare oltre frontiera. Aspettiamo di leggere con ansia il Libro Bianco per capire se tale processo sarà guidato unicamente da considerazioni economico-finanziarie o se anche più ampie riflessioni strategiche avranno un peso rilevante. Cerchiamo di essere ancora ottimisti. Per un altro po’ almeno…

 

 

Share Button

L’Italia e la crisi in Libia. Un grave errore da evitare

Nelle ultime settimane l’attenzione mediatica sulla crisi libica è aumentata, soprattutto in seguito al brutale omicidio dei copti egiziani rivendicato e propagandato dalle milizie allineate all’ISIS. L’effettiva consistenza delle forze del sedicente “califfato” in Libia è ancora un dato controverso, ma la preoccupazione per la presenza di questi gruppi a poche migliaia di chilometri dall’Italia è certamente giustificata.

La possibile minaccia dell’ISIS ha così alimentato il dibattito relativo al “che fare” per risolvere la guerra civile in Libia, scatenatasi nel contesto di instabilità successivo all’intervento militare del 2011. Gli argomenti al centro della discussione attuale ruotano sugli errori del passato o sul “senso di emergenza” dovuta alla duplice minaccia, l’avanzata dell’ISIS e la temuta “invasione” di un nuovo flusso migratorio verso l’Italia, tema suscettibile a continue strumentalizzazioni politiche (ne abbiamo parlato in dettaglio un precedente post). Ma, al di là di alcune dichiarazioni isolate,  che hanno anche paventato un intervento militare italiano, appare assente una riflessione adeguata sulle possibili soluzioni del cuore della crisi, ovvero la guerra civile che si è scatenata tra le forze legate al governo di Tobruk (riconosciuto internazionalmente e ampiamente sostenuto dall’Egitto) e la coalizione Libya Dawn , composta da forze islamiste e milizie (come quelle di Misurata), che comandano tuttora a Tripoli.

Osservando la posizione del governo italiano (variegata a dir la verità) sembra che Roma, giustamente prudente rispetto all’idea di un nuovo complicatissimo intervento militare, propenda per un rafforzamento del legame con gli “uomini forti” di Tobruk e del Cairo. Una posizione condivisa dalla Francia e da quei paesi arabi che mirano alla sconfitta totale dei Fratelli Musulmani.

Ma schierarsi con Tobruk sarebbe un grave errore da parte dell’Italia.

In un recente articolo uscito per Foreign Policy, Mattia Toaldo e Jason Pack illustrano chiaramente come la soluzione diplomatica del conflitto sia la via prioritaria da seguire, evitando la inefficace e controproducente opzione di schierarsi con una parte in confitto. Il senso di urgenza alimentato dalla crescente minaccia dell’ISIS, come terzo attore in gioco, rischia di danneggiare gli sforzi diplomatici, che richiedono tempo.

Secondo gli autori: “Western governments should not view the Libyan crisis solely in the context of counter-terrorism and energy policy. To do so would be to address a symptom of the crisis rather than its cause. The rise of Islamic State-aligned militias in Libya is a result of the civil war, so mediating an end to it should be the priority.”

La proxy war combattuta da vari stati della regione in Libia non fa che peggiorare le cose. Proprio per questo, interrompere il flusso di denaro che è tuttora alimentato da attori esterni sarebbe cruciale: “Alternative financial institutions created by the two rival governments should be denied the recognition that would allow them to enter into contracts with international firms”.

Per prevenire e constare la minaccia dell’ISIS occorre in primis porre fine alla guerra civile. “The disintegration of the Libyan state is already allowing for the creation of IS enclaves on the Mediterranean. Libya’s smuggled oil wealth, caches of heavy weaponry, and pilfered bank accounts could give Islamic State a new lease on life just as it is losing ground in Iraq

Gli autori, giustamente, ritengono che l’unica soluzione al momento sia quella negoziale. Sarebbe opportuno che il governo italiano segua con forza e convinzione questa strada. Alcuni membri del governo e della maggioranza in Commissione Esteri sembrano aver capito che schierarsi con Tobruk ed Egitto è un grave errore. Intelligence e diplomazia sono gli asset principali che Roma deve impiegare nel contesto multilaterale. Ma proprio in questo ambito le costanti difficoltà nel coinvolgere alleati ed Unione Europea ad uno sforzo maggiore (e congiunto) nel gestire il fenomeno migratorio non appaiono certo di buon auspicio.

Share Button

Il nemico alle porte? Immigrazione e forze armate. Alcuni spunti di riflessione

Alcuni giorni fa il Ministro degli Esteri Paolo Gentiloni ha messo in luce i possibili rischi di “infiltrazione” di terroristi tra i migranti che arrivano in Italia, evidenziando le necessità di potenziare gli strumenti di controllo e vigilanza in materia di sicurezza nazionale. Le parole del Ministro hanno subito alimentato un accesso dibattito sui pericoli derivanti dall’immigrazione clandestina e sull’efficacia delle politiche attuali. Al di là della consueta retorica populista, condita di superficialità, strumentalità e razzismo, il tema richiede senza dubbio un’analisi approfondita.

Venus in Arms si propone in seguito di dare un piccolo contributo, esaminando l’argomento che conosce meglio, le forze armate italiane e le missioni all’estero. Il tema del rapporto tra immigrazione e terrorismo è estremamente complesso e deve essere analizzato in primis attraverso una prospettiva politologica e sociologica, che ponga l’accento sui traffici, la gestione complessiva del fenomeno migratorio e il diritto internazionale. Ma un dato appare evidente se osserviamo quanto fatto dall’Italia negli ultimi anni in materia di controllo e contrasto all’immigrazione clandestina, all’interno di un quadro temporale ampio, che vada oltre Mare Nostrum e i “respingimenti”: le forze armate sono state impiegate frequentamene in operazioni all’estero il cui scopo primario è stato quello di affrontare la minaccia posta dall’immigrazione clandestina.

Venus in Arms ha condotto recentemente una serie di studi relativi alla modalità con la quale le forze armate italiane hanno affrontato minacce non militari quali appunto immigrazione clandestina, criminalità organizzata, emergenze umanitarie, disastri ambientali, ecc. Rispetto al tema dell’immigrazione abbiamo per esempio analizzato le operazioni navali condotte in occasione delle missioni Albania (“Pellicano” 1991 e “Alba” 1997), in Kossovo (“Allied Harbour” 1999) e Libia (respingimenti, “Unified Protector” 2011  e “Mare Nostrum”).

Senza l’ambizione di fornire una disamina dettagliata dell’argomento, proponiamo qui di seguito alcuni punti-chiave su aspetti quali impiego delle forze armate, scelte politiche adottate, lezioni apprese e dinamiche regionali e internazionali. Una sorta di vademecum di elementi che devono essere presi in considerazione se si vuole alimentare un dibattito approfondito in materia.

  • Come emerge chiaramente dall’analisi dei documenti strategici nazionali e comunitari, la percezione della minaccia va ben oltre le tradizionali sfide di tipo militare alla sicurezza nazionale. La visione multidimensionale della minaccia è un dato constante della dottrina nazionale e della cultura strategica e militare italiana post Guerra Fredda. Alla necessità di difendere i confini dalla possibile invasione sovietica si è sostituita l’esigenza di garantire la sicurezza attraverso l’impiego delle forze armate italiane per contrastare fenomeni quali pirateria o traffici transazionali.
  • Al di là del peculiare contesto di intervento, dello scenario di crisi e della realtà politica nazionale, possiamo distinguere almeno tre distinti “approcci nazionali” che sono stati adottati (anche in modo bipartisan), dalle missioni nel Canale d’Otranto a quelle nel Mar Mediterraneo: il respingimento dei “barconi” attraverso unità navali militari e di polizia; il pattugliamento e la dissuasione attraverso un dispositivo militare concentrato in acque internazionali e vicino alla costa del paese di provenienza, il soccorso in mare, con unità di primo intervento già predisposte nei mezzi navali.
  • Un fattore cruciale è rappresentato dalla decisione (o meno) di intervenire attraverso componenti civili e militari direttamente nell’area di crisi per favorire un processo di stabilizzazione, ricostruzione e sviluppo, volto a diminuire nel medio e lungo periodo l’afflusso di immigrati, unito ad azioni di soccorso ed intervento umanitario. Nei Balcani, parallelamente a scelte più o meno rigide nel controllo e contrasto dei migranti tra 1991 e 1999, la soluzione dell’intervento diretto on the ground è sempre stata intrapresa.
  • Un secondo elemento rilevante riguarda la scelta di tempi e modi di concessione dello status di rifugiato, attraverso meccanismi volti alla verifica promossi a terra o realizzati durante le operazioni di soccorso. Tale decisione è stata adottata con discontinuità, sia nella tratta Adriatica che in quella Mediterranea, suscitando spesso polemiche e controversie sul piano etico, morale e del diritto internazionale. Da una parte, politiche restrittive si sono rivelate efficaci nella limitazione nel breve periodo dei flussi, dall’altra non rappresentano da sole soluzioni al problema e comportano considerevoli conseguenze sul piano del rispetto delle norme in materia di diritto internazionale umanitario.
  • Il terzo aspetto da tenere in considerazione è la capacità di deterrenza e dissuasione garantita dalla presenza di unità militari. Una politica estremamente rigida, di solo contrasto e respingimento, senza alcuna possibilità fattiva di richiesta dello status di rifugiato (in mare e in terra), per quanto potenzialmente efficace nella limitazione dei flussi nel breve periodo, appare irrealizzabile nel medio e lungo periodo per ragioni di tipo politico, data la mancanza di alcun intervento sulle cause ultime della crisi, e di tipo giuridico, come illustrato dalla sentenza della Corte di Strasburgo che ha condannato l’Italia per i respingimenti. Occorre poi ricordare, al di là delle decine e centinaia di tragedie causate da scafisti senza scrupoli che hanno abbandonato al loro destino le “carrette del mare”, i drammatici episodi relativi al respingimento degli immigrati (sia in mare come avvenne nel 1997 nel caso della Kater y Rades, sia in terra come conseguenza dell’abbandono di centinaia di persone in mano al brutale regime libico dal 2009 al 2011).
  • Infine, l’ultimo elemento-chiave è il coinvolgimento di una forza multinazionale che supporti i singoli stati nel controllo e nella gestione dei flussi. Il grado di burden-sharing in materia è stato davvero minimo, anche nel caso dei Balcani. Una condizione non certo realizzata nel Mediterraneo, a testimonianza delle difficoltà dell’Unione Europea nel ridurre il gap tra ambizioni, dottrina (che attribuisce priorità alla lotta al human trafficking) e realtà operativa. Non sembra proprio che l’attuale struttura di Frontex, né la missione “Triton”, che dovrebbe sostituire “Mare Nostrum”, possano rappresentare efficaci soluzioni in materia.

Come detto, l’argomento richiederebbe una disamina ben più ampia e approfondita. Ma gli elementi sopra citati possono forse rappresentare un piccolo e utile spunto di riflessione. Quel che sembra evidente è che l’Italia sia ancora in cerca dell’approccio più efficace, che possa combinare in modo flessibile pattugliamento, dissuasione, soccorso, e appunto contrasto diretto alle organizzazioni transnazionali che traggono vantaggio dai traffici di esseri umani. Il solo impiego di un dispositivo militare non risolve certo da solo il problema.

Nei prossimi post daremo conto del risultato delle nostre ricerche, a partire dai paper che presenteremo all’International Studies Association (ISA) Annual Conference di New Orleans a fine Febbraio.

 

 

Share Button