NATO, regional dynamics and cooperative security

NATO’s missions have deeply affected the transformation of Italian forces. New tasks, new combat scenarios, different requirements in terms of equipment, interoperability and attitudes, are some of the foremost novelties that each NATO member has had deal with in recent years.

As illustrated by our latest book, multilateralism should be interpreted not only as the main guideline of Italian foreign policy but also as the principal tactical and strategic framework within which Italian forces have been developed and transformed in the past two decades.

Venus in Arms is deeply interested in examining the impact of NATO on defence transformation. For this reason, we are pleased to sugest you a new monoraph: “Flexible Frameworks, Beyond Borders. Understanding Regional Dynamics to Enhance Cooperative Security”, edited by Federico Casprini, Sonia Lucarelli, Alessandro Marrone (NATO, November 2014).

The book is the result of the third academic conference organized by NATO Allied Command Transformation (ACT), University of Bologna and Istituto Affari Internazionali (IAI), Bertinoro, 15-17 May 2014.

Here you’ll find the link to the monograph.

Here additional details on authors and contents.

Here below the outline of the book:

As of 2014, the post-Cold War illusion of a more secure world has long given way to a gloomy perception of both the present and the future. It has never been so clear as in the past few years that challenges to international security emerge from several different fields (environmental, political, social, economic, etc), touch simultaneously on a wide range of geographic areas and involve different types of actors – from states to transnational and national terrorism, from organized crime to other non-state actors). In this transformed scenario, the regional dimension of security continues to be of utmost importance, even if regional and interregional dynamics have changed with respect to the past. Regions are the context in which cooperative communities can be created and stabilized over time (in the form of “Security Communities” for instance), the areas in which there is a higher interdependence in terms of security concerns (“Security Complexes”), or the areas in which local conflicts are more likely to spread. Regions are also historically-defined entities, whose borders are shaped and reshaped over time by security dynamics. Therefore, it is of paramount importance for an organization like NATO – which has security and cooperation at the core of its mandate – to understand the new and old security challenges by looking at their regional dimension, and to evaluate their interregional and global implications. This volume aims to contribute to this effort by analyzing regional dynamics, the eventual role of NATO in their regards, and possible ways to enhance cooperative security.

Share Button

“Our” book: The Transformation of Italian Armed Forces in Comparative Perspective

The editors of Venus in Arms are pleased to present their most recent book: “The Transformation of Italian Armed Forces in Comparative Perspective. Adapt, Improvise, Overcome“. Ashgate (Series: Military Strategy and Operational Art) has  just released online the detailed description of the book, which will be published in July 2015.

The book is about the change in Italian Armed Forces since 2001. The manuscript focuses on new empirical evidence on how the Italian forces, compared and contrasted with the French and the British ones, have devised their doctrines, their force structures and their budgets.

Here below an overall introduction to the research:

European armed forces have undergone deep changes in the past two decades. Given the breadth of the debate and the size of transformations that took place, it is somewhat surprising that relatively few academic studies have directly dealt with changes in force structure of European militaries, and the Italian armed forces in particular. The focus of this book is the organizational dimension of the restructuring of armed forces through 3 different lenses: doctrine and strategic framework, budget and resource allocation, and force structure and deployment. The key issues addressed relate to how these factors interact in shaping transformation. Of particular interest is the theme of learning, which is how armed forces endogenize change in the short and long run. This study provides valuable insights into the extent to which armed forces manage to adapt to the emerging strategic and operational challenges they have to face and to illustrate the weight of institutional legacies, resources constraints, and inter-organizational learning in shaping transformation. Focusing on the Italian case in comparative perspective and based on a large variety of military operations from airstrikes to peacekeeping and counterinsurgency, the book provides an innovative viewpoint on military transformation and significantly contributes to our understanding of contemporary security that is deeply shaped by the lessons learnt in Afghanistan, Lebanon, Iraq and Libya.

We will provide additional details and previews of main findings in next weeks.

P.S. Yes, “Adapt, Improvise, Overcome” refers to the Marine Corps’ mantra popularized by Sergeant Gunny (Clint Eastwood)

Share Button

Learning from others? Emulation and adjustment in Italian military transformation

Venus in Arms will be at the 73rd annual MPSA (Midwest Political Science Association) conference.

The event will be held April 16-19, 2015 at the Palmer House Hilton, Chicago.

As stated by the website: “Conference presentations are organized by topic in more than 80 sections based on different subfields or areas of study. Many of these are interdisciplinary and draw scholars from different fields, providing a variety of perspectives“.

Here you’ll find the link to the sections.

ViA will present the paper “Learning from others? Emulation and adjustment in Italian military transformation” at the panel 17-8: Role of Military Learning and Technology in International Security

The paper focuses on recent transformations in Italian armed forces to discuss mechanisms of learning and adaptation of NATO countries experiencing intense deployment in the last decades.

 

See you in Chicago

Share Button

Top 5 by Venus in Arms – Week 30

This week Venus in Arms will be in London to participate at the next ASMI conference (Association for the Study of Modern Italy) and for other stuff (see, among others: Stamford Bridge). So, this Top 5 focuses exclusively on the UK (in terms of sources of news, issues, etc.).

The British “The Guardian” provides an excellent report on the “Islamic State’s Oil Empire”. A very useful analysis on refineriesand smuggling for better understanding the current context in Syria and Iraq.

The Department of War Studies at the King’s College will host a conference on “NATO ISAF Civil-Military Relations“. The event is organized by the Afghanistan Studies Group, whose website if full of articles and analyses on Afghanistan.

Moving from Afghanistan to Iraq: here you’ll find a detailed account of the UK involvement in the air strikes against ISIL.

In the meanwhile, British troops (on exercise in Poland) have been ordered not to take mobile phones or computers amid fears they will be targeted by Russian cyber spies. Here you’ll find more info on the controversial case.

Finally, have a look again at the Tower of London Poppies. Each of the 888.246 poppies represents a Commonwealth soldier who died during the WWI. Some troubles occurred for their removal.

Share Button

Smart Defence e sicurezza economica: il caso Kosovo

Guest Post di Giovambattista Palumbo*

La vocazione europea ed euro-atlantica dell’Italia rappresenta una priorità indiscutibile della politica estera e interna del nostro Paese, che deve mirare ad una maggiore integrazione politica dell’Europa.

Dopo l’ingresso nell’Unione della Polonia e della Croazia, l’Italia può e deve essere tra i Paesi più attivi nello stimolare l’allargamento dell’Unione Europea verso i Paesi dei Balcani occidentali.

E del resto non sono state soltanto le azioni di protezione internazionale, che le forze di stabilizzazione della NATO ancora oggi assicurano in Kosovo, a sconfiggere i nazionalismi e gli estremismi e favorire lo sviluppo e l’integrazione, ma piuttosto l’orizzonte dell’Unione Europea, laddove è’ chiaro che l’Italia non può non avere un ruolo da protagonista per la stabilizzazione e l’integrazione nei Balcani.

E le direttive su cui occorre investire sono senz’altro smart defence e sicurezza economica.

In tale contesto lo sviluppo delle attività CIMIC è particolarmente importante per l’Italia, in quanto il nostro modello militare si presta a sviluppare sinergie tra l’attore militare e altri attori locali civili al fine di sviluppare un percorso virtuoso in cui l’intervento militare getti le basi ed avvii la prima fase della ricostruzione istituzionale ed economica.

In tale contesto la sicurezza economica deve dunque essere ricompresa all’interno di un concetto più generale di sicurezza, garantito dalla presenza militare.

I militari italiani impegnati in operazioni militari all’estero, in applicazione di un concetto di sicurezza totale (che abbracci cioè non solo gli aspetti dell’hard security) sono infatti, ad oggi, un asset sotto utilizzato dal punto di vista della creazione della sicurezza economica, indispensabile per raggiungere anche la sicurezza interna ed internazionale.

Concentrarsi infatti, prevalentemente, sul ruolo economico passivo che le missioni di peacekeeping hanno in una società come centri di consumo di beni e di servizi, nonché di reclutamento di forza lavoro è ormai limitato e limitativo.

E’ dunque oggi necessario concentrarsi anche sul ruolo economico attivo che la presenza militare potrebbe avere in un determinato territorio.

La creazione di una vera sicurezza economica di un paese deve dunque mirare alla creazione di un’economia produttiva nazionale reale, indipendente da quella legata agli aiuti internazionali e alla presenza di un contingente militare o di una missione civile internazionale in un teatro di ricostruzione post bellica.

Un contributo in tal senso potrebbe allora essere assicurato tramite lo sviluppo di specifiche attività di cooperazione economica internazionale all’interno delle attività CIMIC.

Il Kosovo può dunque rappresentare un importante case study per verificare la validità di un progetto con specifiche azioni di valorizzazione economica.

Il Kosovo presenta del resto ancora gravi problemi di sostenibilità economica, con una scarsa presenza di attività produttive e un valore dei beni e servizi consumati significativamente superiore alla ricchezza prodotta dal paese, laddove tale differenza è oggi colmata prevalentemente dalle risorse portate dalla presenza della comunità internazionale, dalla spesa pubblica sorretta dagli aiuti internazionali, dalle rimesse degli emigrati e dall’economia sommersa.

In assenza dunque dello sviluppo strategico di un’economia reale interna sussistono forti dubbi sulla capacità di sopravvivenza di un Kosovo indipendente, con invece il rischio concreto di un paese a bassa governance e ad alto tasso di economia criminale e con grave danno anche per i paesi limitrofi, fra i quali, in primis, l’Italia.

Del resto i Balcani sono oramai diventati una delle principali aree di insediamento produttivo delle imprese manifatturiere italiane.

Sono decine di migliaia le aziende italiane che hanno installato siti produttivi in Albania, in Romania, in Bulgaria e in Serbia.

Il Kosovo è invece sino ad ora rimasto escluso da tale processo, in primo luogo a causa della scarsa attrattività imprenditoriale e per il permanere di una situazione ancora non chiara da un punto di vista della sovranità internazionale.

L’attuale situazione economica del Kosovo dopo anni d’amministrazione internazionale presenta quindi livelli di criticità ancora molto elevati e il modello di sviluppo dipendente  non potrà durare a lungo.

Lo sviluppo di un settore della CIMIC esplicitamente rivolto alla cooperazione economica internazionale avrebbe dunque come obiettivo quello di porre le basi per un impegno economico in Kosovo attraverso le associazioni di categoria e industriali e la business community locale.

Ciò dovrebbe avvenire innanzitutto attraverso lo svolgimento d’attività di monitoraggio delle attività economiche, lo studio delle potenzialità offerte dal territorio e la creazione magari anche di un substrato giuridico di regole che, domani, possa supportare e sostenere lo sviluppo delle stesse attività economiche.

L’unità CIMIC potrebbe poi avere al suo interno un’unità di valutazione dei progetti di cooperazione economica ed occuparsi anche:

– dell’individuazione di imprenditori interessati alle opportunità di investimenti;

– della garanzia di prevenzione e contrasto di attività di concorrenza sleale, di forme illecite di distorsione del mercato e di fenomeni di riciclaggio

– del controllo di tali attività anche ai fini fiscali.

Nell’ambito della macro area del settore economico, il CIMIC Group dispone del resto di una serie di specialisti funzionali che potrebbero ben costituire quelle figure professionali da dedicare a tale tipo di obiettivi ed attività.

Un esempio operativo può aiutare a comprenderne appieno le potenzialità.

Nel 2008, seppure come Expert incaricato nell’ambito di una missione civile della Commissione Europea (progetto comunitario TACTA -Technical Assistance to customs and Tax Administration), mi sono recato in Kosovo per occuparmi della riforma del locale sistema processuale tributario.

La sicurezza dei rapporti economici, infatti, passa anche attraverso la sicurezza del contesto normativo e la garanzia di regole trasparenti ed efficaci.

Il sistema amministrativo e processuale tributario del Kosovo era del resto regolamentato da poche, fondamentali, fonti normative, che riguardavano, per lo più, la fase amministrativa precedente al processo.

Poco (se non un generico rinvio alla procedura civile) veniva invece espressamente e specificatamente previsto in relazione alla fase del processo tributario vero e proprio (per esempio in materia di pubblica udienza, prove etc.) e alla tutela dei diritti individuali del contribuente.

In Kosovo la possibilità per il contribuente di opporsi all’accertamento dell’Amministrazione Finanziaria passava dunque attraverso tre fasi:

1)    Il ricorso (amministrativo) all’Appeals Office. In tal caso il ricorso doveva contenere i motivi e le prove che confermavano la non debenza della pretesa impositiva. L’Appeals Department, il prima possibile e comunque non oltre 60 giorni dal ricevimento del ricorso, doveva valutare il ricorso del contribuente e prendere una decisione. Tale decisione rappresentava la decisione finale dell’Amministrazione. Se poi l’Appeals Department non decideva entro 60 giorni, il contribuente poteva presentare direttamente ricorso all’Independent Review Board.

2)    Il ricorso all’Independent Review Board (una sorta di via di mezzo tra ricorso amministrativo e giudiziario, laddove comunque il Board non era un’autorità giudiziaria), che rappresentava la seconda, eventuale, fase del procedimento.

3)    Il ricorso alla Corte competente (sola fase giudiziaria vera e propria).

La prima fase era dunque una fase puramente amministrativa, dove la stessa Amministrazione Finanziaria (potremmo dire in autotutela) esaminava la richiesta di revisione dell’accertamento.

La terza fase era una fase giudiziaria, con giudici professionali che decidevano in merito al ricorso del contribuente.

La seconda, come detto, era una via di mezzo tra le altre due. I membri del Board, infatti, non erano giudici professionali, ma non erano neppure appartenenti all’Amministrazione Finanziaria, come invece nella prima fase davanti all’Appeal office.

Il contribuente poteva quindi rivolgersi ad una Corte vera e propria (la Supreme Court) solo alla fine del procedimento, ma non aveva comunque qui diritto ad una pubblica udienza.

Davanti alla Corte Suprema, infatti, la pubblica udienza non era ammessa e il processo si poteva basare solo su documenti.

E’ chiaro che per un imprenditore (in particolare straniero) incappare in un accertamento fiscale era entrare in un girone infernale senza difese.

E’ chiaro allora come anche quella che può sembrare una nicchia tecnica (sistema processuale tributario), se non regolata da norme trasparenti, può diventare un serio ostacolo allo sviluppo economico, costituendo un disincentivo agli investimenti, soprattutto stranieri.

La proposta di redigere uno specifico Codice sul processo tributario e di costituire una vera e propria Tax Court, che prendesse il posto dell’Independent Review Board e i cui membri fossero giudici indipendenti e professionali rappresentava dunque senz’altro un tassello importante in vista di un contesto di sicurezza economica e sarebbe potuta anche essere oggetto di un progetto Cimic.

In tale progetto la Tax Court sarebbe così diventata una Corte specializzata, come peraltro previsto anche dall’articolo 103 della Costituzione del Kosovo e il processo tributario sarebbe così stato finalmente caratterizzato da una sua specifica autonomia, anche normativa, con una sola fase amministrativa (davanti all’Appeal Division of Tak) e due fasi giudiziarie davanti a due differenti Corti (Tax Court e Supreme Court).

Tale proposta era inoltre in linea con il modello comunitario (anche in vista della futura integrazione) e in linea con i principi tipici del giusto processo, quali quelli dell’uguaglianza delle parti davanti al giudice, dell’imparzialità del giudice e del principio del contraddittorio.

A dimostrazione di quanto le regole siano importanti e del loro ruolo fondamentale come tasselli di evoluzione non solo normativa ma anche culturale, anche oltre i solo apparenti ambiti tecnici, nella riformulazione delle linee guida del sistema processuale tributario si sarebbe dovuto inoltre tenere conto anche dell’articolo 6 della Convention on the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms, il quale stabilisce che, nella determinazione giudiziaria dei propri diritti, ad ognuno deve essere garantita una giusta e pubblica udienza davanti un tribunale indipendente ed imparziale.

Anche da questi diritti passerà del resto il lasciapassare al futuro ingresso anche della Repubblica del Kosovo nella Comunità Europea.

E anche da questi diritti deve essere garantita la sicurezza economica del Paese e degli Stati che a quel Paese guardano con interesse, come appunto anche l’Italia.

Giovambattista Palumbo, è Capo team legale di un ufficio operativo dell’Agenzia delle Entrate e abilitato all’esercizio della professione di Avvocato. Nel 2008 e nel 2012 ha partecipato a Missioni della Commissione Europea, per la ricostruzione del sistema fiscale processuale in Kosovo e per l’armonizzazione comunitaria della legge Iva in Serbia. Nel 2011 è stato nominato consulente della Commissione bicamerale sull’Anagrafe Tributaria. A partire dal 2003 svolge un’intensa attività pubblicistica, sia attraverso la pubblicazione di articoli su Riviste specializzate, sia attraverso la pubblicazione di diversi libri con varie Case Editrici. Ufficiale della Riserva Selezionata dell’Esercito ha partecipato alla predisposizione di progetti di riforma dei Codici penali militari e della procedura di dismissione del patrimonio immobiliare della Difesa.

 

 

 

 

 

 

Share Button

I nodi della Difesa italiana

Prima della pausa estiva avevamo lasciato la Difesa italiana alle prese con molteplici fronti aperti: dall’elaborazione del Libro Bianco all’approvazione del decreto missioni, senza dimenticare il costante dibattito su tagli, spending review e F35. Nel frattempo, l’impegno militare nazionale in operazioni oltre confine è andato gradualmente riducendosi, in attesa del più ampio ritiro dall’Afghanistan previsto per la fine del 2014.

L’esplodere della crisi irachena ha costretto deputati e senatori a tornare anzitempo dalle ferie agostane per discutere dell’invio di armi ai “curdi” per combattere l’ISIS (da notare come i media forniscano maggiori dettagli dei diversi acronimi di ISIS/ISIL/IS rispetto al buio informativo che riguarda formazioni curde come PKK e YPG, decisive finora nel contrastare i jihadisti nella regione). A Settembre, con la piena ripresa dei lavori parlamentari, la Difesa italiana si trova così ad affrontare numerose questioni urgenti. Lo stato di palese “insostenibilità” dello strumento militare richiede decisioni fondamentali per il futuro di tutta la Difesa.

Come una sorta di agenda o promemoria vogliamo elencare schematicamente i nodi principali della Difesa, i temi che dovranno essere obbligatoriamente affrontati e discussi da qui al prossimo Natale.

  • Libro Bianco

Il Ministero della Difesa ha ormai avviato il processo di elaborazione di un nuovo Libro Bianco (dopo ben 12 anni di attesa!). Venus in Arms ha già commentato positivamente l’intenzione di alimentare un dibattito pubblico su questo tema. Le prime iniziative (alle quali abbiamo anche partecipato) hanno rappresentato un importante primo passo. Occorre però che la discussione non rimanga statica ma venga promossa e sostenuta con continuità. Le scelte che il documento strategico dovrà compiere sono decisive, in primis in relazione agli scopi che la Difesa nazionale si dovrà porre nel mutato contesto internazionale e alle strutture e agli approcci necessari per realizzarli.

  • F35

Il tema, scottante e controverso, è da mesi al centro del dibattito mediatico, e ci ricorda quanto la riflessione nazionale sia ancora guidata (principalmente) da considerazioni di carattere economico. Il Governo ha evidenziato come la decisione definitiva circa l’acquisizione di nuovi F35 (e di altri programmi militari rilevanti) dovrà essere condizionata dagli obiettivi strategici delineati dallo stesso Libro Bianco. In realtà la discussione parlamentare (con la recente mozione del PD tesa a dimezzare il budget finanziario previsto per i caccia, in linea con le conclusioni dell’indagine conoscitiva approvata in Commissione Difesa) sembra illustrare un percorso ben diverso. Le prossime scelte dell’esecutivo in materia di spending review potrebbero ancora coinvolgere i programmi militari (per quanto siano tutti concordi nel ritenere il bilancio “sbilanciato” verso le spese per il personale come il fattore cruciale dell’insostenibilità finanziaria della Difesa).

  • Missioni

Fino a un paio di anni fa, la media dei soldati impiegati in operazioni fuori area nel nuovo secolo si aggirava attorno alle 8-9.000 unità. I decreti di rifinanziamento delle missioni hanno mostrato la crescente riduzione del numero degli effettivi (poco più di 4.000), in attesa che venga completato il ritiro dall’Afghanistan (e stabilito il reale contributo della prossima operazione Resolute Support). In parallelo, il livello di approvazione dell’opinione pubblica rispetto alle missioni italiane nel nuovo secolo è stato generalmente basso, sicuramente inferiore a buona parte delle operazioni condotte negli anni Novanta. La crisi economica, il fallimento di interventi drammatici e costosi, la crescente difficoltà nel risolvere militarmente le crisi contemporanee e la perdurante mancanza di una nuova narrazione strategica che sostituisca l’ormai stanca e vuota retorica delle “missioni di pace”, rappresentano i fattori decisivi per comprendere la stanchezza del pubblico verso gli interventi all’estero. Nei prossimi giorni, intanto, i movimenti pacifisti e disarmisti torneranno in piazza a far valere la proprio voce (assai esile sul piano delle missioni, efficace finora sul quello delle spese militari). In generale, il ritiro dall’Afghanistan e l’apertura di nuove aree di crisi impongono un ripensamento dell’impegno nazionale all’estero. La diminuzione dei contingenti all’estero ha comunque già portato ad alcune conseguenze, iniziando a incidere sulla voce di bilancio (finora garantita dal Ministero dell’Economia e delle Finanze) relativa alle missioni. Proprio questo canale di finanziamento ad hoc si è rivelato cruciale nel garantire un adeguato livello di preparazione delle truppe e nel sostenere il processo di trasformazione della componente operativa delle forze armate italiane. La riduzione di tali risorse potrebbe avere conseguenze significative per il processo di evoluzione della Difesa. Dal punto di vista geopolitico, infine, i recenti decreti hanno evidenziato un crescente interesse verso l’area del Nord Africa e Sahel, sebbene con un numero di unità dislocate assai limitato. I prossimi mesi aiuteranno a capire il potenziale sviluppo di questo nuova direzione geografica per la politica di difesa italiana. Sarà soprattutto la situazione in Libia a dover essere monitorata con estrema attenzione, vista l’instabilità del paese e i molteplici interessi nazionali in gioco.

  • Iraq

Le ultime settimane hanno poi riportato al centro dell’attenzione generale il (mai sopito) conflitto in Iraq. La decisione di inviare armi per combattere l’ISIS è stata approvata a maggioranza dal Parlamento. È stato anche fornito il dettaglio del materiale in questione, sollevando alcune critiche rispetto a qualità e quantità dello stesso. Al momento sembra che l’Italia possa limitarsi a garantire un supporto in materia di training (uno degli asset principali della Difesa) e mezzi di trasporto. A breve conosceremo meglio le intenzioni del governo, anche in seguito alla definizione di una compiuta strategia da parte statunitense. Sicuramente, la volontà generale è quella di non ripetere gli errori devastanti del passato (fondamentali anche per capire la prudenza e la riluttanza di Washington nei confronti di un intervento più ampio sul terreno).

  • Europa e NATO

I contesti multilaterali di riferimento, infine, stanno vivendo un significativo momento di trasformazione. L’Italia, che ha visto Federica Mogherini assumere la carica di Alto Rappresentante, ha concentrato il proprio impegno europeo (al di là delle vitali questioni economiche) sul tema della gestione condivisa dei flussi migratori nel Mediterraneo. In pochi anni l’Italia è passata dai respingimenti in collaborazione con il feroce regime libico a una responsabilità maggiore attraverso la discussa missione “Mare Nostrum”.  In attesa di un approccio coerente e definitivo, conosceremo meglio le funzioni specifiche che svolgerà la nuova “Frontex Plus”. Nel frattempo, tra crisi in Ucraina e prossimo ritiro dall’Afghanistan, anche la NATO si trova di fronte alla necessità di ripensare e modificare il proprio approccio e la propria struttura. La trasformazione militare italiana è stata fortemente connessa al framework dell’Alleanza negli ultimi anni (a livello di operazioni, dottrina, addestramento, ecc.). L’evoluzione della NATO rappresenta, quindi, un tema decisivo per il futuro della Difesa.

In conclusione, i nodi che la Difesa italiana deve affrontare nelle prossime settimane sono molteplici e complessi. L’Italia è chiamata a completare finalmente il processo di superamento della pesantissima eredità della Guerra Fredda, portando a compimento la definita trasformazione dell’intero comparto della Difesa. Senza affrontare tutti gli ostacoli ancora posti dalle legacy bipolari (sul piano economico, culturale, organizzativo ed economico) nessuna riforma adeguata potrà mai essere realizzata.

Dalla sua nascita (sono quasi passati 6 mesi!) il nostro blog si è sempre posto l’obiettivo di promuovere il dibattito sulla Difesa e di rappresentare un forum di discussione sui temi della sicurezza e delle relazioni internazionali. Anche i prossimi mesi proseguiremo nel nostro intento iniziale, con qualche novità: amplieremo il sito con nuove sezioni tematiche e promuoveremo l’organizzazione di un workshop sullo stato della Difesa italiana (probabilmente a Novembre/Dicembre). Siete tutti invitati già da ora…

Share Button

Top 5 by Venus in Arms – week 20

Also this week we focus on main global crises, devoting a specific attention to the NATO Summit in Wales.

Steven Saideman highlights an alternative view regarding NATO and the “burden sharing problem”. Despite NATO countries do not spend equally on defense, the military operation in Afghanistan reveals the significant contribution provided by Canadians and Europeans (and yes, ISAF doesn’t’ stand for “I Saw Americans Fight”). In addition, the post is “a reaction to the ideas that the allies are completely flaky and that the US is engaged in Europe due to its charitable nature”.

On NATO summit we also suggest the analysis by Professor Michael Clark, who illustrates future challenges and tasks. The emergence of a “new NATO” is the main issue at the stake. Forthcoming events in Ukraine will represent the first hard test for assessing the effective development of a “new” structure. In the meanwhile, here you can find a fact sheet of the Wales Summit.

ISIS (or IS or ISIL) has been seriously harmed by the US airstrikes. However, global media have probably underestimated the role played by the Syrian Kurds (YPG) as well as by the PKK forces in the fight against ISIS. Here you find a recent account.

The National Interest reviews the controversial debate over the F35. Several key arguments (pro et contra the acquisition) are reported. Among them, the impact of the China’s investment in anti-access/area-denial (A2/AD) capabilities on a short range tactical fighter like the JSF is something that deserves attention.

Finally, James Johnson illustrates a very important and complex issue: the economics of reclining the airplane seat (a major source of problems and even clashes for travellers). Transaction costs, property rights and externalization can help but they don’t solve the problem. Therefore, further analyses are required…

Share Button

Top 5 by Venus in Arms – Week 7

Our first suggestion is related to the anti-cartel militias in Mexico and the “war on drugs”. The government’s plan is that of replacing militias with a new force, the Rural Police (including the vigilantes themselves). However, as reported by The Washington Post, the demobilization of armed anti-cartel militias groups “has created the potential for new clashes: between Mexican security forces and militiamen, but also among rival militias”.

We’ve discovered a very funny link on “spurious correlations”. Venus in Arms fosters methodological pluralism, encouraging rigorous analyses on security issues for a pop-culture perspective. Some examples? The correlation between “Number people who drowned by falling into a swimming-pool” and “Number of films Nicolas Cage appeared in”.

Daveed Gartenstein-Ross examines the complex situation in Libya (here the post at War on the Rocks). Summarizing, the author defines the 2011 NATO’s intervention as a “strategic mistake”. For a more detailed (and even critical) assessment of the “humanitarian intervention” see also Alain J. Kuperman (here)

The International Crisis Group has just released the last report on Afghanistan (a forgotten war??). According to the ICG: “The overall trend is one of escalating violence and insurgent attacks. […] The insurgents have failed to capture major towns and cities […]. Yet, the increasing confidence of the insurgents, as evidenced by their ability to assemble bigger formations for assaults, reduces the chances for meaningful national-level peace talks in 2014-2015”

Finally on pop-culture (yes, again). As reported by Duck of Minerva, Charli Carpenter and Dan Drezner seek paper abstracts for an International Studies Association 2015 Conference panel proposal examining the relationship between the A Song of Ice and Fire book series and/or HBO hit series Game of Thrones and global political phenomena. So, a serious stuff (not the best place to develop my ideas on White Walkers as Soviets…)

Share Button