Parlare di conflitti, guerra e pace in Italia (parte seconda)

Come già descritto in un precedente post, non è facile parlare di pace e guerra in Italia, dai media al Parlamento, dal dibattito pubblico alle università. Proprio per questo, a partire dall’ambito accademico, appare doveroso dare risalto alle iniziative che mirano ad alimentare una più ampia riflessione sulla “cultura della difesa” e, più in generale, sui temi della sicurezza.

Anche in questo post, allora, segnaliamo il ciclo di seminari “Guerra, Pace e Sicurezza alle porte del Mediterraneo” (promosso dal Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università di Genova e organizzato da Andrea Catanzaro e dal nostro Fabrizio Coticchia).

Il ciclo di seminari si pone lo scopo di approfondire i temi relativi all’evoluzione della sicurezza internazionale attraverso una serie di incontri, workshop e convegni con accademici, esperti e practitioner del settore. Tali eventi sono direttamente collegati al corso “Guerre, Conflitti e Costruzione della Pace”, che illustra la trasformazione delle idee di pace e guerra nella storia del pensiero politico e nello scenario strategico contemporaneo. Gli ospiti provengono da università, riviste, centri di ricerca, forze armate, associazioni e NGOs. L’obiettivo è collegare in maniera sempre più stretta la necessaria analisi teorica al dibattito corrente per meglio comprendere la complessità della sicurezza contemporanea. Nel precedente post una lista degli incontri già avvenuti.

Questi gli incontri previsti per i mesi di Febbraio e Marzo:

  • Sara Lagi (Università di Torino): “L’idea di pace in Kelsen”, (23 Febbraio 2016, 14-16, Aula 16, Albergo dei Poveri)
  • Federico Donelli (Università di Genova): “Il ruolo della Turchia in Medio Oriente: risorsa o elemento destabilizzante?”, (1 Marzo, 2016, 16-18, Aula 19, Albergo dei Poveri)
  • Alberto de Sanctis (Università di Genova): “I paradigmi della guerra e della pace nell’Italia contemporanea: dalla Grande guerra alla guerra globale” (9 Marzo 2016, 14-16, Aula 7 Albergo dei Poveri)

Tutti gli incontri si svolgono alla sede del Dispo, Albergo dei Poveri, Piazzale Brignole 2, Genova.

Ci vediamo lì

Share Button

ViA on Tour: “La Gran Vera” 1914-1918

Sebbene la commemorazione del centenario della Prima Guerra mondiale abbia sollevato un qualche interesse mediatico nei confronti del conflitto e della sua storia, l’attenzione generale verso una vasta pluralità di iniziative ed eventi promossi per alimentare e sviluppare la memoria collettiva appare ancora limitato. Venus in Arms, nel suo piccolo, cerca di colmare questo gap, fornendo un breve resoconto di una bellissima mostra sulla Grande Guerra nelle Dolomiti e in Galizia.

IMG_3293

Il Comune di Moena, assieme all’Istitut Cultural Ladin “Majon di Fascegn” e all’Associazione “Sul fronte dei ricordi”, ha organizzato una “una grande mostra tematica sulla Grande Guerra, con riferimento al fronte austro-russo, alla guerra in montagna sulle Dolomiti di Fassa e al suo impatto sulle popolazioni locali”.

Quattro sono le sezioni principali che compongono l’esposizione, davvero ben strutturata. La prima ripercorre la presenza dei soldati tirolesi sul fronte orientale del conflitto, nelle cruente battaglie contro l’esercito russo in Galizia. La seconda sezione propone un’accurata ricostruzione della vita in trincea sul fronte dolomitico, illustrando l’incredibile realtà della guerra in montagna, tra neve, grotte e cunicoli. Al pubblico viene poi esposta in una terza sezione la collezione ‘Fedespiel-Caimi’ che comprende uniformi, cimeli, reperti, album fotografici, arricchita da ulteriori reperti appartenenti a collezioni private. L’ultima sezione ospita una selezione di immagini raccolte da Ernst Friedrich nel suo libro “Guerra alla Guerra” (1924).  Le (crude) fotografie sono abbinate a brevissimi commenti volti a mettere in luce l’orrore (e l’ingiustizia) della guerra.

IMG_3291

Quadri, fotografia, reperti, video, pannelli didascalici e vetrine tematiche accompagnano il visitatore lungo tutto il percorso dell’esposizione. La mostra fornisce informazioni preziose e riesce a trasmettere le vivide sensazioni del combattimento in alta montagna, una storia spesso trascurata nei racconti della guerra, perlopiù concentrati sulle vicende nel Carso.

Per ulteriori dettagli di eventi collaterali e programmi relativi alla commemorazione della Grande Guerra si veda qui.

IMG_3292

La Mostra (“La Gran Vera 1914-1918, La Grande Guerra: Galizia, Dolomiti”) sarà aperta nel centro di Moena (45 minuti da Trento) fino al Settembre 2015.

Anche se il ritiro della Fiorentina è ormai terminato (beh, si, era quello lo scopo centrale della presenza di ViA in Val di Fassa) il nostro consiglio è quello di andare a scoprire questa mostra e quella pluralità di piccole e grandi iniziative che mirano a sviluppare e consolidare la memoria collettiva attorno alla Grande Guerra.

 

Share Button