La politica estera e di difesa del governo Renzi

In seguito alla vittoria del “no” al referendum costituzionale, il Presidente del Consiglio, Matteo Renzi, si è dimesso. Data l’incertezza del contesto politico attuale si moltiplicano analisi e commenti relativi al futuro esecutivo, alla riforma della legge elettorale e allo scenario che porterà il paese alle (ennesime) elezioni.

Oltre a cercare di capire cosa succederà nelle prossime settimane, riteniamo importante comprendere cosa sia successo in questi anni in materia di politica estera e di difesa. Per questo motivo segnaliamo volentieri (come già fatto qui) il workshop organizzato dal Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università di Genova sulla politica estera e di difesa nei (quasi) tre anni di governo Renzi.

Qui trovate tutte le informazioni relative al workshop, organizzato nell’ambito del ciclo di Seminari 2016-17 “Guerra, Pace e Sicurezza alle Porte del Mediterraneo”, legato al corso “Guerre, Conflitti e Costruzione della Pace” (qui e qui le info sul corso)

Al workshop interverranno

Interverranno:

On. Lia Quartapelle Commissione Esteri e Affari Comunitari, Camera dei Deputati (Capogruppo PD) e Research Associate presso l’Istituto per gli Studi di Politica Internazionale – ISPI

Pietro Batacchi Direttore della Rivista Italiana Difesa (RID)

Andrea Locatelli Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano

Fabrizio Coticchia DISPO, Università di Genova (qui trovate una sua breve analisi dei fattori di continuità e discontinuità della politica di difesa del governo Renzi)

Modera Giampiero Cama DISPO, Università di Genova

Ci vediamo a Genova…

Schermata 2016-12-10 alle 21.50.02

Share Button

Italian Foreign and Defense Policy at the Time of the ‘Bulldozer’

We are pleased to invite you at the panel we have organized at the next SGRI Conference.

The IX annual Conference of the Italian Standing Group on International Relations is a two-day session that brings together scholars, researchers and PhD students from Italian academia to discuss issues related to global politics, European studies, foreign policy, regional dynamics and international theory. The 2016 Conference will be held for the fifth time in Trento from June 23rd to June 25th and will be organized by the Bruno Kessler Foundation‘s Research Center on International Politics and Conflict Resolution (FBK-CERPIC).

Our panel focuses on “Italian Foreign and Defense Policy at the Time of the ‘Bulldozer’”. Since becoming prime minister in February 2014, Matteo Renzi has promoted a change of pace to the controversial debates over policy reforms in Italy. While the literature has devoted significant attention to the transformation occurred in the domestic context, few analyses have focused on the evolution of Italian foreign and defense policy in historical and comparative perspective. The panel aims at filling this gap, collecting different perspectives on diplomacy, security, foreign policy analysis, international and European politics. Finally, the supposed continuity or discontinuity of the Renzi’s foreign and defense policy will be assessed.

Here below the papers we will discuss:
1. Anna Caffarena and Giuseppe Gabusi (University of Turin), Making sense of a changing world: foreign policy ideas and Italy’s national role conceptions after 9/11

In a rapidly changing world, middle powers with no obvious place on the global scene have the difficult task to read the international environment in order to formulate and implement a coherent and possibly effective foreign policy. In order to do so, decision makers either reproduce old ideas or develop new ones. Considering the ideas put forward in their inaugural speeches by Prime Ministers and Foreign Affairs Ministers in office after 2001, the authors suggest that Italy’s institutional actors appear to be aware of the changes occurred in the international system after 1989, and in particular after 9/11. The National Role Conceptions sustaining Italy’s present foreign policy goals reflect such awareness, being quite different with respect to the picture offered by Holsti in his seminal work published in 1970. Ideas expressing foreign policy goals are also reasonably well grounded either in ideas on how the world works or in operational ideas, yet the country’s foreign policy appears feebly focused, even though focus is explicitly very much sought for. Some explanations for such a lack of focus which makes Italy’s foreign policy design rather ineffective are offered.

*****

2. Antonio Calcara (LUISS School of Government – Rome), Italy’s defence policy in the European context: the case of the European Defence Agency

The European Defence Agency (EDA), thanks to the adoption of a large number of strategic documents and reports, its expertise in the formulation of projects and data collection, has been able to spread an homogeneous discourse on the necessity of a common European defence approach. The EDA is pushing for a progressive “europeanization” of the defence field through pooling and sharing of resources, liberalisation of the defence market, europeanization of military standards and support to dual civilian-military research.
Italy has always had a pro-integration stance on defence matters and it presents the EU as the political and functional framework in which the Italian defence policy will develop – both at the strategic and at the procurement level – in order to rationalise the defence spending. However, going into detail, Italy’s engagement with EDA seems to be more nuanced, especially in the preservation of national sovereignty in some particular technological areas and, in general, has resulted in an ambiguos position between a pro-NATO’s view (and the related “Smart Defence” initiative) and a pro-european “Pooling and Sharing” process, under the EDA’s framework.
While academic literature has devoted significant attention to the transformations occurred in the domestic context, few analyses have focused on the evolution of Italian defence policy in the context of the European institutional framework.
This study is aimed to answer to the following questions: What is the relationship between Italy and the EDA? What is the role of Italy in the EDA? Do the collaborative activities promoted by the Agency have altered the Italian defense policy, especially concerning the new White Paper on International Security and Defence? Can we consider Italy as a “policy entrepreneur” in European defence matters or, beyond declaratory level, it continues to maintain a strong “national” approach?

*****

3. Fabrizio Coticchia (University of Genoa) and Jason W. Davidson (University of Mary Washington), Explaining Renzi’s Foreign Policy: The International Effects of Domestic Reforms
Since becoming Italy’s Prime Minister in February 2014 Matteo Renzi has attracted a lot of attention for his domestic political reforms. Journalists and scholars have focused far less interest on Renzi’s foreign policy, however. This lack of attention is striking given some of the Renzi government’s actions on the international stage. For example, Italy has refused to participate in air strikes against ISIL in Iraq and has favored accommodation with Russia over the Ukraine crisis. Based on primary (interviews, official documents) and secondary sources, this paper attempts to explain the Renzi government’s foreign policy.
First, because Renzi is focused on domestic reform, foreign policy is an afterthought. Renzi’s government has avoided costly policies (e.g., air strikes, peace-enforcement mission in Libya, etc.) because they would undercut his economic plans. Second, because Renzi’s domestic reforms anger many on the left, he has chosen a foreign policy that appeals to–or at least does not create further problems with–the left (e.g., vocally asking for anti-austerity measures in the EU during the semester of Italian presidency). Finally, Renzi, who lacks foreign policy experience, centralized decision-making regarding international relations.

*****

4. Mirco Elena (USPID), Implications of different energy strategies on national security and on international relations

Several factors have to be considered while developing a national energy strategy: amount and cost of resources in the medium and long term, need to import primary energy, number and reliability of suppliers, suitability for the productive sector, vulnerability to uncontrollable external events, resilience of the supply chain in case of conflict, … Many of these elements have important implications from the point of view of a nation’s international relations.
Traditionally, energy production has favoured big, centralized infrastructures. If these are advantageous in terms of, e.g., power plant efficiency, there are also negative consequences which can make a nation much more vulnerable in case of war.
Modern technological developments in the energy field have major implications also with regard to national security and this fact should receive more attention from government authorities.

*****

5. Matteo Faini (University of Venice Ca’ Foscari)
For democratic countries, intelligence agencies are a threat and a necessity. They often provide vital information for national security, but they can also engage in unauthorized activities, like attempting or threatening to remove their own government, i.e. subversion.
I develop and test a typological theory of the relationship between intelligence agencies and policy-makers in democratic countries. I answer two questions: how can intelligence agencies be controlled? When will intelligence agencies engage in subversion?
Intelligence agencies will differ depending on who their main enemies are. An agency will be political if it has a strong domestic subversive movement as one of its main enemies. These agencies will not be politically neutral and the divide between foreign and domestic intelligence will be blurred. Because of these characteristics, it will be harder for policymakers to control them. They will engage in subversion when they perceive their own government as insufficiently dedicated to the anti-subversive fight and when an upcoming close election or divisions among the agency’s principals give them an opportunity to install a stronger government. Ironically, an agency that is designed to fight against subversion will be more inclined to subvert itself. Instead, if an agency does not have a strong subversive movement as one of its main enemies, it can afford to be non-political: politically neutral and with a sharp divide between foreign and domestic intelligence. Non-political agencies will be strongly controlled by policymakers and will not engage in subversion.
I test this theory on two case studies: British intelligence from 1909 to 1924 and Italian military intelligence from 1943 onward. I find that intelligence agencies shift from being non-political to being political when a strong subversive movement is included among their main enemies. Political intelligence agencies have attempted to remove governments even in rich democracies normally considered immune from coups-like phenomena, like the UK in 1920 and 1924.
I then draw implications for policymakers, focusing on the present-day Italian intelligence community. I argue that the current trend towards a non-political intelligence community is at risk of being reversed, under pressure from politically aligned appointments and the rise of political parties that can be construed as subversive.

The discussant will be J.P. Darnis (IAI – University of Nice)

Here additional details on the panel.

Here you’ll find all the panels at the SGRI Conference.

See you soon in Trento.

 

Share Button

Call for papers at SGRI2016: “Italian Foreign and Defense Policy at the Time of the ‘Bulldozer’”

We have organized a panel at the next SGRI (Italian Standing Group on International Relations) Annual Conference (which will be held at the FBK, Trento, June 23-25).

Here you’ll find additional details on the conference, which is “a two-day session that brings together scholars, researchers and PhD students from Italian academia to discuss issues related to global politics, European studies, foreign policy, regional dynamics and international theory”.

Here all the panels on “Exploring Foreign and Security Policy in International Relations

Here below the structure of the panel we have organized:

Italian Foreign and Defense Policy at the Time of the ‘Bulldozer’
Chairs: Fabrizio Coticchia (University of Genoa) and Francesco N Moro (University of Milan – Bicocca)

Discussants: Jean-Pierre Darnis (Istituto Affari Internazionali – Rome and University of Nice)

Date: TBD
Room: TBD

—————————————-

Since becoming prime minister in February 2014, Matteo Renzi has promoted a change of pace to the controversial debates over policy reforms in Italy. While the literature has devoted significant attention to the transformation occurred in the domestic context, few analyses have focused on the evolution of Italian foreign and defense policy in historical and comparative perspective. The panel aims at filling this gap, collecting different perspectives on diplomacy, security, foreign policy analysis, international and European politics. Finally, the supposed continuity or discontinuity of the Renzi’s foreign and defense policy will be assessed.

 

So, we are waiting for your papers (please send the abstract to fcoticchia@consules.org)

For further information about the 2016 SGRI Conference: sgri@fbk.eu

Share Button

Top 5 by Venus in Arms – week 89

It’s the time of primaries in the US. It’s an exciting race, at the current stage, but Stephen Walt argues that the state of the foreign policy debate is rather sad.

In Europe, the prospects for an “ever closer union” are pretty dim these days. The debate on Brexit keeps going, and recent EU “concessions” (contained in a letter written byDonald Task, the EU Council President) do not seem to convince euroskeptics in Britain. Here, a guide to the debate and the next steps.

But tensions between the EU and Member States are not confined to Britain. Even the EU-Italy relations are going through a critical phase. These days, Italian PM Matteo Renzi is strongly criticizing the EU on key issues such as banking regulations and austerity (with the migrants crisis always in the background). This is FT’s Wolfgang Münchau’s take on Italy as a critical node in Europe.

Speaking of Italy, leaders of the anti-ISIS coalition met in Rome on Feb. 2nd to discuss the next moves against the movement. Debate also dealt with Libya, and Italy is a candidate for leading a military coalition there. To do exactly what is still matter of discussion.

Finally, more on the academic side, here is a summary of Thomas Mahnken’s paper on what can small states do in international politics. They might have more cards to play than the poor Melians in the famous episode narrated by Thucydides.

 

 

 

 

 

Share Button

Renzi, l’ISIL e la politica estera italiana

Le minacce poste dell’ISIL e le modalità con le quali sconfiggere il sedicente Califfato hanno rappresentato i temi cruciali delle relazioni internazionali nel 2015. Gli attentati in Francia e in Medio Oriente, la guerra in Siria e in Iraq hanno naturalmente conquistato l’attenzione mediatica nell’anno che sta per giungere al termine.

Pertanto appare importante esaminare in dettaglio le scelte compiute dal governo italiano in materia. In seguito agli attacchi di Parigi, infatti, l’Italia ha deciso di “non mettersi l’elmetto”, come titolava il giornale di riferimento del governo. Occorre fare maggiore chiarezza su questo punto, al di là delle polemiche partitiche e delle strumentalizzazioni varie.

Tre dati vanno ricordati come premessa per un’adeguata riflessione:

  • L’Italia è impegnata militarmente nella colazione anti-ISIL a partire dall’Agosto del 2014, attraverso l’operazione “Prima Parthica” (qui per un dettaglio), basata su attività quali aiuto umanitario (nella primissima fase dell’intervento), addestramento di forze di sicurezza locali, voli di ricognizione. In poche parole, il tanto decantato attivismo tedesco (??) non è niente di più di quello che Roma fa da più di un anno ormai;
  • L’Italia da vari lustri fornisce un contributo considerevole alla sicurezza regionale e internazionale, dall’Afghanistan al Libano, dalla Somalia ai Balcani (in attesa di capire cosa fare in futuro Libia). Nel Mediterraneo, per esempio, l’impegno nazionale è significativo ormai da mesi. Anche in questo caso, non c’è paragone tra il dinamismo della politica di difesa italiana e quella tedesca (per una volta, partite di pallone escluse, a favore dell’Italia…). Certamente, soprattutto dall’inizio della crisi finanziaria il contributo militare italiano si è ridotto (per un’analisi dettagliata della trasformazione militare italiana nell’era post 2001 italiana si veda qui) per quanto esso rimanga considerevole anche in termini qualitativi (grazie all’esperienza accumulata nel tempo e ad asset-chiave, come Carabinieri e Genio);
  • Sebbene, quindi, non ci sia alcun “immobilismo” italiano, il governo ha certamente  agito con estrema prudenza in seguito alla richiesta francese di maggior impegno militare contro l’ISIL (in particolare attraverso i bombardamenti alle postazioni del Califfato). Una prudenza effettivamente diversa dal tradizionale approccio post-bipolare italiano all’impiego delle forze armate all’estero, molto dinamico e pronto a fornire il proprio supporto agli alleati (come avvenuto in tutte le principali aree di crisi degli ultimi venticinque anni). In altre parole, molti si sarebbero aspettati una maggiore disponibilità nel promuovere azioni d’attacco al suolo iracheno, data la presenza dei Tornado già al fronte (e come peraltro paventato già in passato come ipotesi percorribile). Solo dopo molte settimane il governo ha annunciato l’invio di nuovi soldati a Mosul, in seguito alle parole di Obama relative ad un impegno maggiore degli alleati. Un conto, quindi, è rispondere agli Stati Uniti e un altro è farlo rispetto alla Francia, pur in seguito al dramma deghi attentati di Parigi.

In sintesi quindi, occorre esaminare le possibili variabili esplicative di tale (apparente) discontinuità. Quali sono gli aspetti-chiave che permettono di capire l’approccio nazionale al contrasto dell’ISIL? Più in generale, quali sono le determinanti della politica estera e  di difesa del governo Renzi?

Come già illustrato in un precedente post, tali domande sono alla base di una ricerca che stiamo conducendo (considerando non solo il caso dell’ISIL ma anche altri ambiti di politica estera e di difesa, dalla Russia all’Unione Europea fino al tema dell’immigrazione) e che presenteremo alla prossima conferenza dell’International Studies Association ad Atlanta (Marzo 2016).

In via preliminare, possiamo illustrare alcune possibili spiegazioni (non mutuamente esclusive) delle scelte finora compiute del governo:

1)   Dall’emergere della crisi economica l’Italia ha obbligatoriamente modificato il proprio approccio ai temi di difesa e sicurezza. I constraints finanziari non consentirebbero più di sostenere quel livello di impiego delle forze all’estero che aveva contraddistinto l’Italia dalla fine della Guerra Fredda. Come in Mali così in Iraq, l’Italia non può essere ovunque perché non ha più le risorse. Questo porterebbe quindi ad una maggiore prudenza nell’uso della forza all’estero;

2)   Come ampiamente sottolineato dal governo e dal premier, le lezioni apprese degli interventi del passato (la Libia in primis) dovrebbero consigliare una maggiore cautela nell’impiego della forza militare per sconfiggere gruppi come l’ISIL. Più in generale, sono altri gli strumenti che dovrebbero essere privilegiati per combattere il terrorismo (da qui il focus governativo sulla “cultura” fino alla sempre più dibattuta cyber-security);

3)   Sebbene l’attenzione mediatica si sia “riversata” in Iraq e Siria, le crisi regionali degne di nota sono purtroppo molte altre. Le minacce poste all’Italia da aree strategicamente più rilevanti (di nuovo la Libia) imporrebbero di “prioritizzare” gli interventi, agendo con più cautela tra Bagdad e Damasco (senza dimenticare la centralità del rapporto con Stati Uniti e NATO, come emerso dalla volontà di non diminuire gli effettivi presenti in Afghanistan).

4)   La dimensione interna, infine, non può essere trascurata per capire le scelte dell’esecutivo. Secondo una spiegazione “domestica”, il focus principale del premier (come sottolineato a ripetizione durante la consueta conferenza stampa di fine anno) sono le riforme istituzionali ed economiche. Cioè la politica interna. Mostrare il fianco a possibili critiche dell’opposizione (dalla minoranza PD ai 5stelle) in seguito a una scelta ardita e potenzialmente impopolare di politica estera (cioè una missione di bombardamenti contro l’ISIL) sarebbe stato molto rischioso per Renzi.

Per schematizzare brutalmente, quindi: variabile economica, culturale, strategica o domestica?

In seguito ad un’analisi più approfondita (basata su interviste, documenti ufficiali, dibattito parlamentar e fonti secondarie) cercheremo di fornire qualche risposta più strutturata.

Share Button

Il Dilemma della sicurezza europea: Est e/o Sud?

Una grande canzone pop trash degli anni 90 aveva come ritornello i quattro punti cardinali. Da quello che leggiamo e vediamo rispetto al contesto della sicurezza europea, il dibattito pare sempre più orientato attorno a  dilemma che si lega a due direzioni possibili della bussola: l’Est e il Sud. Da dove proviene la “minaccia principale” per i paesi europei?

La prima possibile riposta riguarda il  “fronte orientale“, caratterizzato dall’esplosione della crisi Ucraina, dalla politica estera russa, dalla guerra “ibrida”, attorno alla quale tanto si è discusso. I paesi dell’Europa orientale, a partire dalla Polonia e dagli stati Baltici, sono naturalmente iper-preoccupati delle conseguenze legate al coinvolgimento militare Russo nel conflitto ucraino e ai possibili cambiamenti geopolitici nell’area. Stati Uniti, NATO ed alleati hanno cercato di rassicurarli, attraverso il  dispiegamento di forze e la creazione di nuovi strumenti ad hoc come la NATO Readiness Action Plan (RAP). Il summit in Galles aveva proprio la RAP come principale novità ed il fulcro della riflessione strategica ruotava attorno alla crisi Ucraina e al nuovamente complesso rapporto con la Russia.

Tre brevi considerazioni vanno fatte in merito al “fronte orientale” come focus prioritario dell’Alleanza Atlantica e dei paesi europei in generale.

1) Nonostante nel passato l’attenzione generale si sia concentrata sul crisis management e sulle missioni in aree di crisi, soprattutto nel contesto post 11-Settembre, la difesa collettiva rappresenta sempre il core business della NATO. Un aspetto che i membri “orientali” dell’Alleanza non fanno che ricordare.

2) A fronte di scenari complessi, minacce asimmetriche, conflitti tra gruppi armati irregolari, terrorismo, stati fragili o falliti, è in effetti “più facile” capire lo scenario ucraino dal punto di vista prettamente militare e strategico. In altre parole, per le élite politiche e militari atlantiche la difesa territoriale rappresenta un concetto più agile da maneggiare, meno difficile da interpretare (sappiamo almeno chi è l’avversario, conosciamo abbastanza le sue caratteristiche e risorse, etc.). Dopo decenni di Guerra Fredda le forze armate europee si sono dovute adattare e trasformare per affrontare contesti completamente nuovi. Un ritorno al passato, pur con le notevoli ed evidenti differenze, potrebbe anche inconsciamente essere accettato più facilmente. Anche dal punto di vista del weapons procurement, dopo anni nei quali molti si chiedevano il perché dover continuare ad acquistare mezzi da Guerra Fredda per missioni contro guerriglieri e gruppi criminali, adesso è certamente più semplice giustificare tale scelta.

3) Non tutti i paesi europei la pensano allo stesso modo nei confronti della Russia. Gli interessi economici in gioco sono enormi e la cautela si impone d’obbligo per quelle nazioni che hanno sviluppato un’ampia rete di rapporti commerciali con Mosca, a partire dal tema della dipendenza energetica. L’Italia lo sa bene.

In aggiunta a queste riflessioni generali, ora che Putin sembra orientare l’attenzione verso la Siria, dobbiamo domandarci se cambierà davvero qualcosa rispetto alla centralità del “fronte orientale” per la NATO in primis ed anche per l’Europa in generale? Che ruolo può avere in tutto ciò l’UE, che sta ripensando lo propria strategia globale? Quale direzione diplomatica prenderà l’amministrazione Obama? Che cosa emergerà dal prossimo summit dell’Alleanza Atlantica? Che cosa diranno i paesi europei che affacciano sul Mediterraneo?

Per rispondere occorre tenere presente la crescente importanza del “fronte sud” per la sicurezza europea ed atlantica. Il dramma dei rifugiati è solo l’ultima manifestazione evidente del caos e dell’instabilità nella regione. Dalla Libia alla Siria, passando per Iraq e Sahel, la multi-dimensionalità della minaccia (che lega terrorismo a network criminali, passando per l’ISIL) appare sempre più incombente.

Se Polonia e paesi Baltici sono preoccupati per la politica di Mosca [Venus in Arms rifugge la scontata e banale figura retorica dell’Orso Russo, più adatta ad altri ambiti..], Madrid, Roma e Atene non possono che far sentire la propria voce di “frontiera” di fronte dei mutamenti al di là del Mediterraneo. Gli stati europei hanno fatto pochissimo sul piano dell’aiuto allo sviluppo e hanno commesso errori strategici gravissimi accanto all’alleato amerciano negli ultimi tre lustri. Ogni soluzione d’emergenza adesso non può che dimostrarsi fallace, dall’immigrazione all’ISIL.

Per questo occorre capire in che modo il “fronte sud” possa nuovamente acquistare un peso cruciale nella riflessione strategica complessiva in ambito NATO ed europeo.

Che cosa farà l’Italia, al di là degli sforzi volti a una migliore redistribuzione del numero di profughi tra i paesi europei? Una domanda alla quale non possiamo ancora dare una riposta chiara. Di sicuro sarebbe importante evitare il ruolo del biondino  nel sopra citato duo: muoversi e affannarsi per avere visibilità senza svolgere in fondo alcun compito di rilievo.

Share Button

ViA at ISA 2016: German and Italian defense, Mafia killings, and Renzi’s foreign policy

The International Studies Association has just released the preliminary programme for its (57th) annual convention. This year the conference will be held in Atlanta, from March 16-19 2016.

Here you can find all the info on the (huge) conference.

The title of the annual convention is “Exploring Peace“. As stated in the official website:  “Traditional international studies have put a premium on war, militarized conflict, and other violence as primary phenomena for investigation. In contrast, “peace” is often defined as the absence of militarized and violent conflict, an afterthought or residual category without a distinct theoretical explanation. Yet, such a characterization lumps many disparate kinds of events and relationships together. Economic sanctions are sometimes placed in the same “non-war” category as cultural exchanges […] The focus on mitigating conflict and violence has led scholars to downplay or ignore other values such as human rights, justice, and equity that are part of many conceptions of peace. In addition, such a concentration leads away from interactions that increasingly characterize international affairs, including trade cooperation, integration, and peace building…“.

Also this year Venus in Arms will be at the ISA, presenting three papers on different issues (and surely going to support the Atlanta Hawks at the Philips Arena) . Here below the abstracts of the paper we will present there.

“Divergent paths: Understanding post-Cold War Italian and German defense policy”

F.Coticchia and F.N. Moro

Italian and German defense policy during the Cold War shared several features, from the legacies of WWII defeat, to pacifism as a key in strategic narratives, limited military expenditures and non-use of armed force in international arena. Just after the collapse of the Berlin Wall, however, Italy provided its military contribution to “Desert Storm”, while Germany refused to deploy armed forces in Iraq. Since the end of the bipolar era, the Italian troops have been engaged in operations abroad and several defense reforms (suspension of conscription, jointness of the Chiefs of staff, etc.) have been approved. On the contrary, the first German combat operation occurred in 1999, and “military restraint” has been never abandoned. Moreover, territorial defense remained at the core of the strategic approach until the mid of the 2000s while the professional model was only recently adopted. Therefore, despite similar historical, institutional, and social premises post-bipolar outcomes have been divergent. What are the explaining factors of such different pace and timing of military transformation in the cases of Italian and German defense? Through primary and secondary sources, the paper focuses on prestige and parliamentary control that together with timing/sequencing played a crucial role in shaping the two outcomes.

“Transferring violence? Mafia killings in non-traditional areas: Evidence from Italy”

F.N. Moro and S. Sberna

Violence is a key tool used by organized crime to assert its control over territory and business. Since organized crime grew increasingly mobile and moved away from traditional areas of entrenchment, several popular analyses of mafias argue that violence is bound to spread to new areas of migration. In this paper, we argue that this view overlooks two important elements. First, criminal organizations acting in non-traditional areas face a structure of constraints and opportunities that does not favor the adoption of violence as a successful organizational strategy. Second, even when violent means are adopted they might be the result of conflicts that have their roots in the territories of origin of criminal groups. We provide empirical support to these statements trough quantitative analysis of violence perpetrated by mafia groups in Italy in the period between 1983 and 2008, analyzing the link between violence in the South (where these groups have established for over a century) and areas of recent expansion in the Northern part of the country. Also, we shed light on the mechanisms underpinning violence through micro narratives about specific episodes of violence

“Explaining Renzi’s Foreign Policy: The International Effects of Domestic Reforms”

F.Coticchia and J.W. Davidson

Since becoming Italy’s Prime Minister in February 2014 Matteo Renzi has attracted a lot of attention for his domestic political reforms. Journalists and scholars have focused far less attention on Renzi’s foreign policy, however. This lack of attention is striking given some of the Renzi government’s actions on the international stage. For example, Italy has refused to participate in air strikes against ISIS in Iraq and has favored accommodation with Russia over the Ukraine crisis.Based on primary (interviews, official documents) and secondary sources, this paper will attempt to explain the Renzi government’s foreign policy. First, because Renzi is focused on domestic reform, foreign policy is an afterthought. Renzi’s government has avoided costly policies (e.g., air strikes, purchasing new F-35 fighter, etc.) because they would undercut his economic plans. Second, because Renzi’s domestic reforms anger many on the left, he has chosen a foreign policy that appeals to–or at least does not create further problems with–the left (e.g., vocally asking for anti-austerity measures in the EU during the semester of Italian presidency). Finally, Renzi lacks foreign policy experience and has chosen low profile ministers who are not political competitors.

Share Button

L’Italia e la crisi in Libia. Un grave errore da evitare

Nelle ultime settimane l’attenzione mediatica sulla crisi libica è aumentata, soprattutto in seguito al brutale omicidio dei copti egiziani rivendicato e propagandato dalle milizie allineate all’ISIS. L’effettiva consistenza delle forze del sedicente “califfato” in Libia è ancora un dato controverso, ma la preoccupazione per la presenza di questi gruppi a poche migliaia di chilometri dall’Italia è certamente giustificata.

La possibile minaccia dell’ISIS ha così alimentato il dibattito relativo al “che fare” per risolvere la guerra civile in Libia, scatenatasi nel contesto di instabilità successivo all’intervento militare del 2011. Gli argomenti al centro della discussione attuale ruotano sugli errori del passato o sul “senso di emergenza” dovuta alla duplice minaccia, l’avanzata dell’ISIS e la temuta “invasione” di un nuovo flusso migratorio verso l’Italia, tema suscettibile a continue strumentalizzazioni politiche (ne abbiamo parlato in dettaglio un precedente post). Ma, al di là di alcune dichiarazioni isolate,  che hanno anche paventato un intervento militare italiano, appare assente una riflessione adeguata sulle possibili soluzioni del cuore della crisi, ovvero la guerra civile che si è scatenata tra le forze legate al governo di Tobruk (riconosciuto internazionalmente e ampiamente sostenuto dall’Egitto) e la coalizione Libya Dawn , composta da forze islamiste e milizie (come quelle di Misurata), che comandano tuttora a Tripoli.

Osservando la posizione del governo italiano (variegata a dir la verità) sembra che Roma, giustamente prudente rispetto all’idea di un nuovo complicatissimo intervento militare, propenda per un rafforzamento del legame con gli “uomini forti” di Tobruk e del Cairo. Una posizione condivisa dalla Francia e da quei paesi arabi che mirano alla sconfitta totale dei Fratelli Musulmani.

Ma schierarsi con Tobruk sarebbe un grave errore da parte dell’Italia.

In un recente articolo uscito per Foreign Policy, Mattia Toaldo e Jason Pack illustrano chiaramente come la soluzione diplomatica del conflitto sia la via prioritaria da seguire, evitando la inefficace e controproducente opzione di schierarsi con una parte in confitto. Il senso di urgenza alimentato dalla crescente minaccia dell’ISIS, come terzo attore in gioco, rischia di danneggiare gli sforzi diplomatici, che richiedono tempo.

Secondo gli autori: “Western governments should not view the Libyan crisis solely in the context of counter-terrorism and energy policy. To do so would be to address a symptom of the crisis rather than its cause. The rise of Islamic State-aligned militias in Libya is a result of the civil war, so mediating an end to it should be the priority.”

La proxy war combattuta da vari stati della regione in Libia non fa che peggiorare le cose. Proprio per questo, interrompere il flusso di denaro che è tuttora alimentato da attori esterni sarebbe cruciale: “Alternative financial institutions created by the two rival governments should be denied the recognition that would allow them to enter into contracts with international firms”.

Per prevenire e constare la minaccia dell’ISIS occorre in primis porre fine alla guerra civile. “The disintegration of the Libyan state is already allowing for the creation of IS enclaves on the Mediterranean. Libya’s smuggled oil wealth, caches of heavy weaponry, and pilfered bank accounts could give Islamic State a new lease on life just as it is losing ground in Iraq

Gli autori, giustamente, ritengono che l’unica soluzione al momento sia quella negoziale. Sarebbe opportuno che il governo italiano segua con forza e convinzione questa strada. Alcuni membri del governo e della maggioranza in Commissione Esteri sembrano aver capito che schierarsi con Tobruk ed Egitto è un grave errore. Intelligence e diplomazia sono gli asset principali che Roma deve impiegare nel contesto multilaterale. Ma proprio in questo ambito le costanti difficoltà nel coinvolgere alleati ed Unione Europea ad uno sforzo maggiore (e congiunto) nel gestire il fenomeno migratorio non appaiono certo di buon auspicio.

Share Button

Tempi difficili: L’Agenda Politica del Nuovo Ministro degli Esteri

di Fabrizio Coticchia*

Il nuovo Ministro degli Esteri, in sostituzione di Federica Mogherini, ormai ufficialmente fuori dalla squadra del Governo Renzi, avendo assunto la carica di Alto Rappresentante della politica estera europea, si trova di fronte ad un elenco di urgenze da affrontare sin dai suoi primi passi.
Libia
Sebbene il livello d’interesse mediatico non corrisponda alla gravità della situazione sul terreno, il conflitto che da mesi devasta la Libia rappresenta una delle principali minacce per la sicurezza nazionale ed europea.

Il nuovo Ministro dovrà definire con chiarezza la strategia adottata per prevenire o arginare le conseguenze derivanti dall’arco d’instabilità che si protrae a tutto il Nord Africa e arriva oltre il Sahel.

Una particolare attenzione dovrà essere dedicata alla modalità con la quale l’Italia intende affrontare le “nuove minacce” alla sicurezza, dalle pandemie alla crescente peso della criminalità organizzata nel traffico di esseri umani, armi e droghe. Il recente passato fornisce un primo insegnamento rilevante: la risposta militare è di per sé insufficiente a risolvere il problema.

Isis
Il secondo contesto di crisi nel quale Roma si trova direttamente convolta è la “guerra all’Isis”.

Il drammatico scenario bellico presenta uno strano paradosso: alleati Nato (Turchia) che ostacolano nei fatti la resistenza all’Isis e attori, definiti da Unione europea (Ue) e Usa come “terroristi” (Hezbollah e Pkk), finora decisivi nel contrastare militarmente i jihadisti.

di Fabrizio Coticchia*

Al di là del controverso invio di armi ai combattenti peshmerga nel Kurdistan iracheno (a proposito, che fine hanno fatto quei vecchi sistemi d’arma? Sono arrivati a destinazione?) è chiaro che l’Italia e i suoi alleati dovranno sviluppare un approccio ben più ampio e complesso al problema.
Il nuovo Ministro dovrà decidere se dare continuità alle scelte da poco compiute (basate essenzialmente sull’addestramento delle forze irachene e sull’invio di mezzi e aiuti) oppure adottare una diversa strategia, sempre in linea con le istituzioni multilaterali di riferimento.

In ogni caso, il fallimento dell’intervento internazionale in Iraq e del processo politico seguente al ritiro delle forze occidentali rappresenta un’altra lezione fondamentale per il prossimo futuro.

Ucraina
Il terzo fronte “caldo” è quello Ucraino, nel quale il livello di conflittualità sul terreno non sembra svanire nonostante il cessate il fuoco e gli infruttuosi tentativi diplomatici che si sono rapidamente succeduti nel tempo.

La crisi in Europa orientale mette in luce le profonde difficoltà della politica estera europea e le sottostimate conseguenze del processo di allargamento della Nato.

All’interno dei suddetti framework multilaterali l’Italia è chiamata sempre di più a svolgere un ruolo di primo piano. La presenza di Federica Mogherini come Alto Rappresentante dell’Ue sarà senza dubbio un incentivo notevole verso tale direzione.

Oltre alle posizioni di rilievo nelle istituzioni comunitarie, l’Italia sarà chiamata a incrementare ove possibile la propria capacità d’influenza rispetto alle concrete scelte di politica estera dell’Ue.

Cooperazione allo sviluppo
Le decisioni strategiche, anche e soprattutto all’interno dei consessi multilaterali, dovranno essere collegate in modo coerente al tipo di strumento che l’Italia intende impiegare e al tipo di contributo che Roma è chiamata a fornire.

I constraints finanziari hanno notevolmente limitato nel recente passato la proiezione internazionale dell’Italia, a partire dalla sua struttura diplomatica. Si pensi soprattutto alle risorse destinate alla cooperazione internazionale, tagliate ferocemente negli ultimi anni e solo da poco tempo fortunatamente in ripresa.

In tal senso, la riforma del settore della cooperazione allo sviluppo  attraverso la nuova legge (attesa da più di due decenni) rappresenta uno dei maggiori traguardi raggiunti sul piano delle riforme interne attuate dai recenti governi.

Se le risorse destinate alla cooperazione sono sempre state storicamente limitate, il ruolo che hanno svolto le forze armate come asset principale della politica estera italiana nell’era post-bipolare è stato invece cruciale.

Per anni l’Italia ha fornito un contributo determinante alla sicurezza internazionale, inviando i propri soldati in tutti i principali fronti di crisi, dall’Afghanistan all’Iraq, dalla Somalia ai Balcani.

Ma il peso dell’eredità della Guerra Fredda non è stato cancellato del tutto, dal punto di vista culturale, organizzativo ed economico. Lo strumento militare nazionale non è infatti più sostenibile senza riforme drastiche, a partire dalla correzione dell’endemico squilibrio del suo bilancio.

La speranza è riposta nel nuovo Libro Bianco della Difesa (anche in questo caso, ben dodici anni di attesa) che finalmente consentirà di delineare obiettivi e caratteristiche delle nuove forze armate. La Farnesina dovrà quindi dedicare una particolare attenzione al processo di revisione strategica della difesa, favorendo sinergie e integrazione, ampliando lo sguardo anche alle sue componenti non militari.

Infine, soprattutto a livello di prestigio, credibilità internazionale e interna (dato la sensibilità dell’opinione pubblica nei confronti dell’argomento) il nuovo Ministro dovrà definitivamente risolvere il complesso “caso Marò”.

In conclusione, a fronte delle sfide urgenti e complesse che attendono il nuovo Ministro, la Farnesina è chiamata a sviluppare una nuova “narrazione strategica” che guidi l’Italia nel frammentato contesto internazionale attuale.

Una “trama” trasparente, coerente e convincente circa obiettivi e scopi della politica estera italiana, che permetta di alimentare il limitato dibattito nazionale sui temi globali e ottenere il consenso dell’opinione pubblica in merito alle difficili scelte di fondo da compiere.

 

*L’articolo è precedentemente apparso sul sito Affari Internazionali. Qui il link

 

Share Button

“The Italian Left and Foreign Policy” (Cambridge, 9th June 2014)

A conference on “The Italian Left and Foreign Policy” will be held in Cambridge (UK) on 9th June 2014. The interdisciplinary approach will be the main feature of the event that aims at bringing together established academics and young scholars from different fields (History, IR, Cultural Studies, Sociology, Political Science, Economics, etc.) in order to discuss the relationship between Italian left and foreign policy. The upcoming Italy’s European Semester Presidency Italian is a scenario that requires a detailed analysis of the transformations occurred to Italian parties and policies.

Among the topics on the agenda:

  • The Italian Left between Americanism and Anti-americanism: historical and contemporary perspectives
  • Internationalism and a national way: the Italian Left faces the world
  • European priorities of the Italian Left: change or continuity?
  • The Italian Left, foreign policy and the use of force
  • Exit geopolitics? Strategic priorities in and beyond the three circles
  • The Italian Left, civil society and foreign policy
  •  Proposals for a ‘progressive’ reform of the foreign policy machinery
  • Foreign policy and the politics of the Italian Left: bridge over troubled waters
  • The Italian Left and Foreign Policy in a Comparative perspective: insights from European cases.

Venus in Arms aims at attending the conference with a paper on Italian radical parties and defense policy in the post-Cold War era. An attempt to test (or better, to confute) the “polarization hypothesis” in the Italian case. For a look at previous ViA works on similar issues check out here (gated)

Unfortunately the deadline of the call for papers is already expired. But the event is extremely interesting, thus we suggest a brief tour to Cambridge.

The conference is organised by Elisabetta Brighi, Lilia Giugni, and Marta Musso, in cooperation with the Department of Politics and International Studies (POLIS), University of Cambridge, the Association for the Study of Modern Italy (ASMI) and the Cambridge Italian Research Network (CIRN).

Share Button