“Narratives and counter-narratives: security issues and peace movements in Italy”

The programme of the 2016 SISP (Italian Political Science Association) annual convention has been published. The conference will be held in Milan (15-17 September 2016).

Here you’ll find all panels and papers.

Our Fabrizio Coticchia (University of Genoa) and Andrea Catanzaro (University of Genoa) will present a paper on strategic narratives, security issues and peace movements.

Here more details on the panel “Social Movements and Practices of Resistance in Times of Crisis”.

Here below the abstract of the paper:

Existing studies on strategic narratives have persuasively illustrated the features that make a plot compelling to shape public attitudes regarding military operations. A growing body of the literature has started to pay attention to the concept of “narrative dominance”, stressing the role played by counter-narratives in hindering a wider acceptance of a specific message. However, a limited consideration has been devoted to security issues other than military missions, while the key- features and the effectiveness of counter-narratives have seldom been assessed in a systematic way, especially for non-institutional actors such as “peace movements”. The paper aims at filling this gap, focusing on Italy. How and to what extent have counter-narratives successfully contested the official strategic narratives? What ideologies underlie them? To answer these questions, the research investigates the main contents, the theoretical backgrounds and the effectiveness of counter-narratives developed by national “peace movements” to contrast the “plot” designed by Italian governments to gain the support of public opinion towards selected post-2001 security issues: defense acquisitions, political reforms and missions abroad. The manuscript, which is based on interviews, discourse and content analysis, adopts a multidisciplinary approach, combining IR, political thought, communication and social movement studies.

 

See you soon in Milan.

Share Button

Book Talk: Strategic Narratives, Public Opinion and War

Today, 30 June 2015 at 3.30 pm, the NATO HQ (Luns Auditorium, Brussels) will host the presentation of the book: “Strategic Narratives, Public Opinion and War. Winning domestic support for the Afghan War“, edited by Beatrice de Graaf, George Dimitriu and Jens Ringsmose. The editors and three authors will illustrate the volume (unfortunately we have not been able to attend).

Here a description of the event.

The Former NATO Secretary General, Jaap de Hoop Scheffer, who wrote the preface, will introduce the event. 

Admiral James Stavridis, Supreme Allied Commander at NATO 2009-13 and Dean of The Fletcher School of Law and Diplomacy, Tufts University, has defined the volume as a must-read to understand 21st century conflict“. 

As stated in a previous post, the manuscript aims at providing a  comprehensive analysis on strategic narratives, adopting a comparative perspective to examine the case of the military operation in Afghanistan. The case of Italy has been investigated by Venus in Arms‘s Fabrizio Coticchia and Carolina De Simone, in the chapter: “The winter of our consent? Framing Italy’s ‘peace mission’ in Afghanistan”.

Here will find more details on the book.

Share Button

Effective strategic narratives? Italian public opinion and military operations in Iraq, Libya, and Lebanon

Oddly enough, in the new Italian White Paper there are no references to the concept of strategic narratives. On the contrary, many official documents and statements by decision makers have recently emphasized the role played by strategic narratives to enhance the perceived legitimacy of military operations.

Venus in Arms has already addressed the concept of “strategic narratives”, defined by Freedman as: “compelling storylines which can explain events convincingly and from which inferences can be drawn”

Today, we are pleased to present the new paper by Fabrizio Coticchia: “Effective strategic narratives? Italian public opinion and military operations in Iraq, Libya, and Lebanon” (here, gated). The paper has been published in the first issue of the new Italian Political Science Review/Rivista Italiana di Scienza PoliticaIPSR/RISP (now published by Cambridge University Press) provides three fully English-language issues per year. Here additional info on the Journal.

Here below the abstract of the paper:

Public attitudes are greatly shaped by the cohesiveness of the strategic narratives crafted by policy-makers in framing the national involvement in war. The literature has recently devoted growing attention toward the features that define successful strategic narratives, such as a consistent set of objectives, convincing cause–effect chains, as well as credible promises of success. This paper provides an original framework for ‘effective strategic narratives’ for the case of Italy. The military operations undertaken by Italian armed forces in Iraq, Lebanon, and Libya represent the cases through which the framework is assessed. Drawing on content and discourse analysis of political debates and data provided by public opinion surveys, this paper explores the nature of the strategic narratives and their effectiveness.

The author has already addressed the issue of narratives, public opinion and Italian military operations, locking at the case of Afghanistan (here)

The current paper presents two main implications.

First, strategic narratives should not be realistic, but rather compelling. A certain ambiguity of the storyline could be sometimes inevitable due to the gap between long-established values (such as peace or humanitarianism, which are very difficult to modify) and a risky military environment, where those beliefs may appears as extraneous. In these cases, an integrated communication strategy, aimed at preparing the public opinion and avoiding counter-productive rosy pictures, could be crucial to avoid a collapse of approval towards the intervention.

Second, as already tested by literature, casualty aversion per se does not determine the fall of public support. However, mounting insecurity on the ground requires greater flexibility of the narrative to adapt and transform. In this case, a negative narrative dominance (i.e., a more persuasive counter-narrative) could play a fundamental role in hindering the plot’s effectiveness.

ViA will provide additional posts in the near future regarding strategic narratives and other security issues (e.g., the F35). Stay tuned.

 

Share Button

Un’altra Difesa è possibile?

In un precedente post abbiamo affrontato il tema delle “contro-narrazioni strategiche” adottate da partiti e movimenti al fine di contrastare l’acquisto dei controversi caccia F-35. Le principali conclusioni alle quali giungeva l’articolo analizzato (qui – gated- la versione del paper presentato all’Annual ISA Conference di New Orleans – Febbraio 2015 ) evidenziavano la capacità delle contro-narrazioni elaborate in questi anni dai “movimenti pacifisti” e di alcune formazioni politiche in parlamento nel “guidare” il dibattito, concentrando l’attenzione sui costi e sui problemi del programma.

Al di là dei tradizionali frame valoriali del movimento (legati appunti alla pace e alla non violenza), il costante collegamento tra la crisi economica e la spesa per il caccia ha permesso di orientare la discussione secondo la prospettiva suggerita dalla campagna contraria agli F-35 (“Taglia le ali alle armi”), alimentando più di un dubbio sulla sua presunta efficacia e rilevanza. Il dato innovativo è rappresentato dalla capacità di questi attori di andare oltre all’immagine diffusa e stereotipata dei movimenti pacifisti, dimostrando elevata competenza tecnica e risultando così attori cruciali del dibattito, sia nei media sia in Parlamento (soprattutto quello dell’attuale Legislatura, molto più sensibile al tema dei precedenti).

Il paper metteva in luce una considerevole distanza tra questo livello di expertise e quello che abitualmente  emerge tra gli stessi soggetti in relazione ad una altro tema centrale in materia di difesa e sicurezza: le missioni militari all’estero.  Qui non si riscontra, infatti, lo stesso livello di innovatività nella (e nelle) contro-narrazione(i) ed i frame principali attengono quasi unicamente alla dimensione valoriale, legata alla pace, al multilateralismo, alle bandiere arcobaleno.

Perché tale differenza? Forse a causa dei temi (non così tecnici come quelli connessi ai sistemi d’arma) o forse per il ruolo svolto dalla “retorica delle missioni di pace” (base della narrazione dominante e capace di deprivare la contro-narrazione di una delle sue componenti-chiave). Sta di fatto che nelle ultime occasioni nelle quali si è dibattuto di operazioni all’estero (per esempio nel caso della guerra in Libia) la discussione è stata sempre guidata dalla narrazione dominante e frame realmente alternativi, riguardanti la dimensione strategica o quella dell’efficacia (come per l’F-35), sono emersi davvero raramente.

Proprio per questo motivo occorre seguire con interesse la campagna promossa da vari movimenti pacifisti e disarmisti denominata “Un’altra Difesa è possibile”. Cercando di andare oltre un iniziale scetticismo (spesso legato a proposte a prima vista apparentemente “utopiche”) che cosa emerge?

Il sito che promuove la campagna così descrive l’iniziativa: “Di fronte alla drammatica crisi economica e sociale del Paese, che sostanzialmente non ha sfiorato lo strumento militare, vogliamo fare un passo in avanti, promuovendo congiuntamente la Campagna per il disarmo e la difesa civile, lanciando la proposta di legge di iniziativa popolare per l’istituzione e il finanziamento del Dipartimento per la difesa civile, non armata e nonviolenta […] o strumento politico della legge di iniziativa popolare vuole aprire un confronto pubblico per ridefinire i concetti di difesa, sicurezza, minaccia, dando centralità alla Costituzione che “ripudia la guerra” (art. 11), afferma la difesa dei diritti di cittadinanza ed affida ad ogni cittadino il “sacro dovere della difesa della patria” (art. 52) […]Il finanziamento della nuova difesa civile dovrà avvenire grazie all’introduzione dell’”opzione fiscale”, cioè della possibilità per i cittadini, in sede di dichiarazione dei redditi, di destinare una certa quota alla difesa non armata…”

Vedremo, in altre parole, se i frame introdotti nella campagna sapranno efficacemente rappresentare un’alternativa alla visione bipartisan che ha caratterizzato la politica di difesa italiana nel contesto post-bipolare. Il dato davvero importante, ancora una volta, sarà la capacità di alimentare un dibattito sui temi della difesa. Ben venga, quindi, la discussione “ideologica”, che metta cioè a confronto visioni del mondo diverse e non si limiti alla pura retorica superficiale, cercando se possibile di arrivare anche alla dimensione strategica e politica dei temi affrontati.

Ah, il tutto in attesa dell’agognato Libro Bianco…

Share Button

Il curioso caso dei caccia F-35. Contro-narrazioni, opinione pubblica e difesa italiana.

Lo scopo principale di Venus in Arms è alimentare il dibattito sui temi della difesa, della sicurezza e delle relazioni internazionali, con una particolare attenzione rivolta all’Italia e all’Europa. L’idea è fornire una prospettiva “accademica” rispetto ad argomenti di discussione generale, senza la pretesa di promuovere una visione “alta” o “colta” delle cose ma con l’ambizione di delineare un quadro di analisi dettagliato ed articolato, che vada oltre le contingenze delle polemiche politiche.

Uno dei temi maggiormente controversi negli ultimi anni è stato l’acquisizione dei caccia F-35. La questione (cosa rara per la Difesa italiana) ha attirato una notevole attenzione mediatica, anche grazie alla vasta campagna promossa da organizzazioni pacifiste e disarmiste per contrastare il programma militare JSF.

All’interno di un più ampio progetto di ricerca volto a indagare il rapporto tra narrazioni strategiche, contro-narrazioni e opinione pubblica italiana, un caso di studio riguarda proprio il dibattito sui caccia F-35.

Il paper (“An alternative view: Counter-narratives, Italian public opinion and security issues”, presentato il 21 Novembre alla Conferenza Annuale dell’ASMI a Londra) esamina la natura e le caratteristiche delle cosiddette contro-narrazioni adottate da partiti e movimenti al fine di contrastare la narrazione strategica impiegata dai governi per giustificare determinate scelte nell’ambito della difesa e della sicurezza (per esempio, l’invio di soldati in missioni militari).

Ma cosa sono le “narrazioni strategiche”? Freedman definisce lestrategic narratives come: “Compelling storylines which can explain events convincingly and from which inferences can bedrawn” (2006, p.22). Le “narrazioni” sono modalità con le quali specifiche issue sono strutturate dagli attori e presentate al pubblico. Le narrazioni strategiche vanno studiate in relazione allaloro capacità di conquistare il consenso dell’opinione pubblica.

Le narrazioni strategiche sono trame convincenti, storie che possono spiegare gli eventi in maniera persuasiva. Le narrazioni sono strategiche perché sono costruite intenzionalmente, con il deliberato scopo di collegare tra loro gli eventi, formulare risposte che possano illustrare una determinata prospettiva della realtà evidenziando vincitori e vinti. Esse contengono messaggi, espliciti e non, circa futuri obiettivi, interessi percepiti e modalità di azione. Non si tratta di “storie inventate”, né di solo marketing o di pura propaganda, bensì di narrazioni capaci di ispirare il pubblico, introducendo termini e concetti tramite i quali gli attori identificano valori e obiettivi. Attraverso una storia convincente, la narrazione rende accettabili determinate scelte politiche (come quella di intervenire in un conflitto o di acquisire nuovi armamenti) che altrimenti non raccoglierebbero grande consenso.

La letteratura recente ha messo in luce quanto gli atteggiamenti del pubblico verso un conflitto siano modellati proprio dal tipo di narrazione che viene elaborata.

Quali sono i fattori che hanno reso convincenti le diverse strategic narrative di  fronte all’opinione pubblica italiana? Il grado di chiarezza degli obiettivi della missione, la consistenza con la realtà operativa, la coerenza con i valori (in primis pace e multilateralismo) e gli interessi nazionali, le prospettive di successo, la strategia di comunicazione e l’esistenza di “contro-narrazioni”, sono gli elementi-chiave che permettono di valutare l’efficacia della narrazione strategica.

De Graaf and Dimitriu (2012) parlano di “narrative dominance” intesa come bilancia tra narrazione e contro-narrazione. L’assenza di “storie alternative” garantisce un fondamentale supporto per la narrazione dominante. Al contrario, il sostegno del pubblico può essere eroso da “compelling counter-narratives designed to expose internal contradictions or weaknesses within the official strategic narratives” (Ringsmose and Børgesen 2011: 524). Pertanto, l’analisi delle contro-narrazioni rappresenta un passo decisivo per comprendere l’intricato rapporto tra narrative, security issue e opinione pubblica.

Il paper esamina due casi di studio: la missione militare in Libia del 2011 e, appunto, la decisione di acquisire i caccia F-35. Quali sono i contenuti delle contro-narrazioni strategiche che sono state elaborate da partiti e movimenti per contrastare la scelta di intervenire in Libia e di partecipare al programma JSF? Perché (per citare gli Smiths) some counter-narratives are more effective than others?

Attraverso interviste semi-strutturate, sondaggi, frame e discorse analysis di giornali, riviste e dibattito parlamentare delle ultime legislature, lo studio esamina la natura delle counter-narrative e ne valuta il complessivo livello di efficacia.

La ricerca è ancor in fase preliminare (un altro caso di studio affrontato ma non sviluppato appieno è il recente invio di armi in Iraq) ma permette di trarre già alcune indicazioni in seguito all’ampia analisi empirica. Questi sono alcuni dei risultati principali che riguardano il “caso F-35”.

1) Le forze armate, contrariamente a quanto avvenuto rispetto ad altri temi (come le missioni militari), hanno svolto un ruolo di primo piano nel delineare una precisa narrazione in merito al programma JSF. Gli elementi centrali della narrative sono stati finora i seguenti:

  • Urgente necessità di ammodernare la flotta composta da“aerei obsoleti”;
  • Rilevanza della partecipazione italiana a un progetto multinazionale tecnologicamente avanzato, fondamentale per garantire interoperabilità con alleati e ritorno industriale (anche grazie alla FACO di Cameri);
  • Incomparabili capacità di un caccia di quinta generazionenche può garantire un ampio spettro di missioni.
2) I partiti politici, di centro-destra e centro-sinistra, che hanno sostenuto la necessità di acquistare i caccia hanno puntato sui seguenti frame dominanti:
  • Frame tradizionale delle “missioni di pace”. Come evidenziato dall’ex Ministro Mauro: “ se si ama la pace bisogna armare la pace”;
  • Rilevanza strategica dei caccia per la Difesa italiana. La domanda non è se ci servono gli F-35 ma se: “Ci servono ancora le forze aeree?”;
  • Assenza di alternative (in particolare per la portaerei Cavour), data la necessità di sostituire un ampio numero di vettori;
  • Vantaggi economici (in primis in termini di posti di lavoro) legati alla partecipazione italiana al programma;
  • Frame della sicurezza dei soldati (importante sebbene impiegato marginalmente), garantita proprio dai nuovi aerei.
3) Il network di associazioni e movimenti che hanno contrastato la decisione di dotarsi dei caccia ha sviluppato nel corso degli anni un’ampia e strutturata campagna: “Taglia le Ali alle Armi”. Schematicamente possiamo evidenziare come accanto ai tradizionali frame “pacifisti”, che esprimono una nettacontrarierà valoriale rispetto all’acquisto del programma militare, troviamo una molteplicità di frame diversi, incentrati su aspetti economici e strategici. In particolare la contro-narrazione si è basata su:
  • Aligned frames volti a collegare costantemente i costi crescenti del programma agli ambiti nei quali tali fondisarebbero potuti essere impiegati (“con un F-35 possiamo costruire 387 asili e 21 treni per pendolari”). Un tradizionale approccio di “butter or guns” che la crisi finanziaria ha naturalmente agevolato.
  • Frame tesi a mettere in luce l’ambiguità della narrazione dominante: dai presunti vantaggi economici derivanti dal programma fino alle difficoltà tecniche incontrate dal mezzo, con ampio ricorso a rapporti ed analisi di centri di ricerca internazionali. In tal senso, però, il dato maggiormente rilevante è il crescente livello di expertise e approfondimento degli studi promossi dalle stesse organizzazioni. Un grado di analisi riconosciuto dal parlamento stesso che non si riscontra (anche per il tema trattato) in altri ambiti (come “le missioni di pace”).
  • Frame che riguardano la dimensione strategica connessa all’acquisizione dei caccia, a partire dalla loro funzione nelle operazioni contemporanee fino alle conseguenze relative ad una Difesa Europea e alle sue possibilità di integrazione
  • Frame legati ai diffusi riferimenti valoriali della pace e del disarmo (si pensi al tradizionale focus dedicato all’Articolo 11 della Costituzione).
4) I partiti politici contrari all’F-35 hanno spesso riproposto alcuni dei frame citati dalla campagna, enfatizzando i seguenti elementi:
  • Le difficoltà del programma sul piano dei costi, della performance e dei ritardi (“è un pozzo di San Patrizio”, oppure, citando il Senatore Di Pietro: “Il mio trattore funziona meglio ed è più sicuro”);
  • L’inconsistenza tra narrazione dominante “pacifista” e “reali” valori della pace (“è un aereo da attacco!”);
  • Le possibili duplicazioni tra F-35 ed Eurofighter ;
  • La mancanza di informazioni e dibattito (dal 2009 al 2012 il governo non ha presentato rapporti annuali sul programma);
  • Frame di tipo “strategico” volti a enfatizzare l’assenza di minacce tali da ricorrere all’acquisito di un caccia simile (“Chi ci attacca? I tedeschi? I visigoti?”)

Anche in questo caso si è fatto ricorso ad aligned frames per collegare le decisione di investire risorse ingenti nell’F35 invece spendere soldi pubblici in altri ambiti segnati dal contesto di crisi economica (si va dalla scuola ai Canadair, dalla Sanità ai Carabinieri, dalla protezione civile alle aree affette da calamità, dalla cooperazione allo sviluppo fino alla “lotta contro le slot machines”)

5) Il livello del dibattito pubblico e parlamentare aumenta a partire dalla fine del 2012 (in seguito alla riforma Di Paola e decisione di ridurre il numero di caccia da acquistare). Ma è l’inizio della nuova legislatura (a partire da metà 2013), a favorire un vero e proprio incremento della discussione, sia a livello mediatico sia in termini di attività parlamentare. Ciò è dovuto ad una pluralità di fattori: il successo del Movimento 5 Stelle (da sempre contrario agli F-35), il ritorno di formazioni di sinistra come SEL in parlamento, l’elezione di esponenti di spicco dei movimenti (come Giulio Marcon), il ruolo dei numerosi “parlamentari della pace”.

6) La contro-narrazione si dimostra fino a questo momento efficace. Il paper non si pone l’ambizione di provare nessi di causalità o correlazioni ma cerca di osservare la co-evoluzione tra narrazioni, andamento del dibattito e giudizio dell’opinione pubblica.  Cosa può indicare, quindi, un buon livello di efficacia da parte della contro-narrazione adottata da partiti e movimenti?

L’opinione pubblica italiana (circa l’’82%, secondo i dati dell’Osservatorio Politico del Centro Italiano di Studi Elettorali) è contraria al progetto. Non sono molte però le rilevazioni demoscopiche che si concentrano esclusivamente sugli F-35.

  • Dal 2012 in poi è stato ridotto il numero degli aerei che l’Italia si impegna a comprare, da 131 a 90. Più recentemente la “mozione Scanu” impegna il governo a “chiarire criticità e costi con l’obiettivo finale di dimezzare il budget finanziario originariamente previsto”, in linea con le indicazioni contenute nell’indagine conoscitiva della Commissione Difesa.
  • Il livello di dibattitto e discussione complessivo è notevolmente aumentato. Il processo di elaborazione del Libro Bianco ne è un’ulteriore prova.
  • I principali leader dei partiti italiani, da Bersani a Berlusconi, arrivando fino a Renzi, hanno espresso seri dubbi (se non aperta contrarietà) rispetto al programma. In altre parole, il clima politico verso il tema è decisamente cambiato.
  • I sostenitori dell’acquisto dei caccia riconoscono apertamente due aspetti rilevanti. Il primo è la necessità di cambiare la narrativa, di “trovare una storia più efficace per convincere l’opinione  pubblica”. Il secondo riguarda la credibilità delle fonti di informazioni sui caccia garantire dalla campagna e ritenute “le migliori” anche da molti supporter del progetto.

In conclusione, possiamo affermare come fino a questo momento la “strategic dominace” sia negativa. La contro-narrazione, cioè, appare più convincente della narrative ufficiale, spesso costretta ad inseguire su temi ed argomenti proposti dalla prima. La dimensione economica del progetto e il suo costo sono diventate il cuore della discussione pubblica. Le “storie” che si contrappongono non attengono unicamente alla dimensione valoriale (si/no alle armi). La moralità non riguarda solo alla decisione di comprare armi ma concerne in primis la scelta di spendere fondi pubblici ingenti per un programma militare caratterizzato anche da ritardi e problemi tecnici.

In generale il clima politico è mutato, il programma è stato ridotto, l’opinione pubblica è contraria, l’immagine di un aereo“inefficace” domina il dibattito.

In sintesi, dal punto di vista della contro-narrazione l’aspetto rilevante riguarda la complessa natura del “plot” adottato da partiti e movimenti, capace di andare oltre al solo frame della pace e del disarmo. Sarà interessante capire se in altri ambiti, in altri contesti(non così segnati dalla crisi economica) e in altri parlamenti, quegli stessi attori saranno capaci di sviluppare contro-narrazioni di questo tipo.

Per quanto riguarda l’F-35, le scelte definitive sul programma saranno condizionate dall’approvazione del tanto atteso Libro Bianco. Collegare la decisione di acquisire programmi militari a chiari obiettivi strategici appare saggia, al di là delle contingenze politiche del momento. Un’ovvietà, ma non nel caso italiano.

Share Button

Tempi difficili: L’Agenda Politica del Nuovo Ministro degli Esteri

di Fabrizio Coticchia*

Il nuovo Ministro degli Esteri, in sostituzione di Federica Mogherini, ormai ufficialmente fuori dalla squadra del Governo Renzi, avendo assunto la carica di Alto Rappresentante della politica estera europea, si trova di fronte ad un elenco di urgenze da affrontare sin dai suoi primi passi.
Libia
Sebbene il livello d’interesse mediatico non corrisponda alla gravità della situazione sul terreno, il conflitto che da mesi devasta la Libia rappresenta una delle principali minacce per la sicurezza nazionale ed europea.

Il nuovo Ministro dovrà definire con chiarezza la strategia adottata per prevenire o arginare le conseguenze derivanti dall’arco d’instabilità che si protrae a tutto il Nord Africa e arriva oltre il Sahel.

Una particolare attenzione dovrà essere dedicata alla modalità con la quale l’Italia intende affrontare le “nuove minacce” alla sicurezza, dalle pandemie alla crescente peso della criminalità organizzata nel traffico di esseri umani, armi e droghe. Il recente passato fornisce un primo insegnamento rilevante: la risposta militare è di per sé insufficiente a risolvere il problema.

Isis
Il secondo contesto di crisi nel quale Roma si trova direttamente convolta è la “guerra all’Isis”.

Il drammatico scenario bellico presenta uno strano paradosso: alleati Nato (Turchia) che ostacolano nei fatti la resistenza all’Isis e attori, definiti da Unione europea (Ue) e Usa come “terroristi” (Hezbollah e Pkk), finora decisivi nel contrastare militarmente i jihadisti.

di Fabrizio Coticchia*

Al di là del controverso invio di armi ai combattenti peshmerga nel Kurdistan iracheno (a proposito, che fine hanno fatto quei vecchi sistemi d’arma? Sono arrivati a destinazione?) è chiaro che l’Italia e i suoi alleati dovranno sviluppare un approccio ben più ampio e complesso al problema.
Il nuovo Ministro dovrà decidere se dare continuità alle scelte da poco compiute (basate essenzialmente sull’addestramento delle forze irachene e sull’invio di mezzi e aiuti) oppure adottare una diversa strategia, sempre in linea con le istituzioni multilaterali di riferimento.

In ogni caso, il fallimento dell’intervento internazionale in Iraq e del processo politico seguente al ritiro delle forze occidentali rappresenta un’altra lezione fondamentale per il prossimo futuro.

Ucraina
Il terzo fronte “caldo” è quello Ucraino, nel quale il livello di conflittualità sul terreno non sembra svanire nonostante il cessate il fuoco e gli infruttuosi tentativi diplomatici che si sono rapidamente succeduti nel tempo.

La crisi in Europa orientale mette in luce le profonde difficoltà della politica estera europea e le sottostimate conseguenze del processo di allargamento della Nato.

All’interno dei suddetti framework multilaterali l’Italia è chiamata sempre di più a svolgere un ruolo di primo piano. La presenza di Federica Mogherini come Alto Rappresentante dell’Ue sarà senza dubbio un incentivo notevole verso tale direzione.

Oltre alle posizioni di rilievo nelle istituzioni comunitarie, l’Italia sarà chiamata a incrementare ove possibile la propria capacità d’influenza rispetto alle concrete scelte di politica estera dell’Ue.

Cooperazione allo sviluppo
Le decisioni strategiche, anche e soprattutto all’interno dei consessi multilaterali, dovranno essere collegate in modo coerente al tipo di strumento che l’Italia intende impiegare e al tipo di contributo che Roma è chiamata a fornire.

I constraints finanziari hanno notevolmente limitato nel recente passato la proiezione internazionale dell’Italia, a partire dalla sua struttura diplomatica. Si pensi soprattutto alle risorse destinate alla cooperazione internazionale, tagliate ferocemente negli ultimi anni e solo da poco tempo fortunatamente in ripresa.

In tal senso, la riforma del settore della cooperazione allo sviluppo  attraverso la nuova legge (attesa da più di due decenni) rappresenta uno dei maggiori traguardi raggiunti sul piano delle riforme interne attuate dai recenti governi.

Se le risorse destinate alla cooperazione sono sempre state storicamente limitate, il ruolo che hanno svolto le forze armate come asset principale della politica estera italiana nell’era post-bipolare è stato invece cruciale.

Per anni l’Italia ha fornito un contributo determinante alla sicurezza internazionale, inviando i propri soldati in tutti i principali fronti di crisi, dall’Afghanistan all’Iraq, dalla Somalia ai Balcani.

Ma il peso dell’eredità della Guerra Fredda non è stato cancellato del tutto, dal punto di vista culturale, organizzativo ed economico. Lo strumento militare nazionale non è infatti più sostenibile senza riforme drastiche, a partire dalla correzione dell’endemico squilibrio del suo bilancio.

La speranza è riposta nel nuovo Libro Bianco della Difesa (anche in questo caso, ben dodici anni di attesa) che finalmente consentirà di delineare obiettivi e caratteristiche delle nuove forze armate. La Farnesina dovrà quindi dedicare una particolare attenzione al processo di revisione strategica della difesa, favorendo sinergie e integrazione, ampliando lo sguardo anche alle sue componenti non militari.

Infine, soprattutto a livello di prestigio, credibilità internazionale e interna (dato la sensibilità dell’opinione pubblica nei confronti dell’argomento) il nuovo Ministro dovrà definitivamente risolvere il complesso “caso Marò”.

In conclusione, a fronte delle sfide urgenti e complesse che attendono il nuovo Ministro, la Farnesina è chiamata a sviluppare una nuova “narrazione strategica” che guidi l’Italia nel frammentato contesto internazionale attuale.

Una “trama” trasparente, coerente e convincente circa obiettivi e scopi della politica estera italiana, che permetta di alimentare il limitato dibattito nazionale sui temi globali e ottenere il consenso dell’opinione pubblica in merito alle difficili scelte di fondo da compiere.

 

*L’articolo è precedentemente apparso sul sito Affari Internazionali. Qui il link

 

Share Button

“The Italian Crisis: Twenty years on”

Venus in Arms will be at the next ASMI Conference (London, 21-22 November 2014). The Annual Conference of The Association for the Study of Modern Italy (ASMI) will be organized at the Italian Cultural Institute in London.

In 1994, the Association for the Student of Modern Italy organised a conference around the theme of the ‘Italian crisis’. Silvio Berlusconi had just been elected as Prime Minister and the country was in dire economic straits. The political system was in tatters after the tangentopoli scandals. The crisis was analysed from a political, cultural, historical and social viewpoints in a conference which was extremely well attended and led to fascinating discussions after every paper. The papers from the conference were then collected and published in the first issue of the journal Modern Italy.

This year the call for papers was looking for original work on the history, culture, economics and politics of the last twenty years in Italy, as well as papers which take a comparative and transnational approach to the Italian crisis.

Here below the main topics

1. The political crisis and the ‘Berlusconi era’ and the rise of anti-politics.

2. The economic crisis in Italy

3. Italy and Europe

4. Corruption and the political system.

5. The cultural impact of the crisis and cultural representations of the crisis.

6. The idea of crisis in the Italian context.

7. Forms of political leadership and/or participation.

Conference organizers are John Foot and Gianluca Fantoni. The keynote speakers will be Paul Ginsborg and Tito Boeri.

Here you’ll find additional details on the conference. 

Venus in Arms will present the paper: “An alternative view: Counter-narratives, Italian public opinion and military operations abroad”. The goal of the paper is to investigate the effectiveness of counter-narratives developed by political parties, pacifist groups and associations in order to contrast the “plot” designed by Italian governments to gain the support of public opinion towards post 2001 military operations abroad. Why have some counter-narratives been more effective than others? Drawing on discourse analysis and interviews, the paper aims to answer this question.

See you in London

Share Button

Top 5 by Venus in Arms – week 8

Less talking about current events this week, we take some time to explore interesting stuff that does not always make the headlines.

Rosa Brooks’ “Portrait of the Army as a work in progress” describes the transformation of the US Army as it needs to refocus away from heavy deployment and is constantly challenged by the idea that technology could solve almost everything (and in a cost-effective way). “Regionally Aligned Forces” (RAF) are an attempt to overcome the current challenges by offering a model of forces ready for intervention in particular geographical areas, not to repeat errors linked to lack of cultural sensitivity that characterized recent expeditions.

The Atlantic features a James Fallows’ piece titled “Fear of Flying”, a tale of the disconnect between danger and fear. If you have always thought that “You Are More Likely to Be Killed By Boring, Mundane Things than Terrorism”, or on the contrary you’re very worried about terrorism, this is the thing to read.

Once again about robots, this Amnesty International blog post is about “stopping them before it’s too late”. As a reminder that future warfare will be influenced by technology but also by regulation, and how policy-making will deal with robotics matters (as much?) as the opportunities provided for by scientific and technological advancement.

On the London Review of Books a piece under the category of “seen from outside”, or how the foreign press sees Italy. It has little to do with defense, but a lot to do with the narrative about Italy. As usual, prejudices and conventional narratives emerge here and there. For Italians to dismantle them and for foreigners who know about Italy to come up with more nuanced accounts.

As European elections approach, Venus in Arms comes up with an endorsement. Not a political one, of course. Just go to the website of the project “EU and I” sponsored by the European University Institute and discover your political preferences as it comes to voting this weekend.

Share Button

The War That Wasn’t There? Italy’s “Peace Mission” in Afghanistan, Strategic Narratives and Public Opinion

AFGHANISTAN: MILITARI ITALIANI SEQUESTRANO ORDIGNI A FARAH

(Ansa)

By Fabrizio Coticchia

The military operation in Afghanistan is the most important mission undertaken by the Italian armed forces since the end of WWII. The public opinion supported the intervention until mid-2009. Then, the percentage of approval for the mission dropped considerably. In a paper that “Foreign Policy Analysis” has just released in early view (here gated) I’ve examined different perspectives in order to understand the drop of consensus that occurred in the Italian case.

The aim of the paper (co-authored with Carolina de Simone) is to investigate the features and evolution of the main strategic narratives adopted by political leaders to interpret the Italian military involvement in Afghanistan between 2011 and 2011. The research stems from the perspective suggested by Ringsmose and Børgesen on the key role of strategic narratives in the understanding of the variations in public opinion support towards military operations. The questions this study seeks to answer are: how have politicians crafted strategic narratives on the Afghan mission? How have these storylines influenced public opinion during the conflict?

The level of support towards the operation in Afghanistan collapsed after the mid of 2009. A first supposition related to this drop deals with the correlation between mounting casualties and the fall of public approval. The issue of casualty intolerance has been repeatedly used in the literature to explain the loss of popularity of military operations. Other possible interpretations are related to the traditional approaches in public opinion literature that focus on the impact of the “fatigue” towards a protracted conflict, the scarce policy success of the mission or the dramatic changes of aims and conditions of the intervention. Then the paper compares the above-mentioned views with the “strategic narrative assumption”. According to such perspective, the type of (ineffective) narrative adopted by the Italian governmental actors plays a prominent role in understanding of the decline of support in 2009. Has the disproportionate gap between the storyline, based on the traditional values of peace and multilateralism, and the war-torn reality on the ground, affected the level of public approval? Or have the ways through which narratives were built in 2009 played a more important role?

The preliminary findings of this study confirm the relevance of strategic narratives to interpret the attitudes of public opinion. No significant correspondence between casualties and support emerge, while the results reveal that the ineffective and inconsistent way in which a well-established and shared strategic narrative (centred on peace and multilateralism) has been modified is the key variable for understanding the collapse of public approval. The strategic narrative crafted by governmental actors after 2008, which aimed at explaining the change of approach on the ground, has proven unsuccessful. This failure can be weighed against the main features of a “strong narrative”, such as those identified by Ringsmose and Børgesen: the strategic narrative of the Italian government showed lack of clarity, incoherence, inconsistency, and inability to prepare the public for dramatic events.

The paper, which relies extensively on empirical data such as polls and interviews, illustrates that cultural variables were crucial in order to understand Italian military operations abroad. A shared strategic culture based on the frames of multilateralism and peace remains embedded in Italian public opinion. Without a coherent and appropriate (alternative) strategic narrative, the attempt to shift from traditional conceptual references, even when the context of the intervention requires adopting new frameworks, is doomed to fail. This is exactly what happened in the case of ISAF.

Here below the abstract:

Factors as culture, values, and symbols are crucial to understand the evolution of the Italian foreign and defense policy. However, scholars’ attention to such variables in the study of Italian defense policies still leaves many gaps. Since the end of the Cold War, Italian troops have been constantly engaged in military operations abroad spreading a “peacekeeper image” of Italy in the international arena. The goal of this work is to investigate the features and the evolution of the main strategic narratives adopted by political leaders to interpret the Italian military involvement in Afghanistan. How have politicians crafted strategic narratives on the Afghan mission? How have these story lines influenced public opinion during the conflict? Has the disproportionate gap between the storyline, based on the traditional values of peace and multilateralism, and the war-torn reality on the ground, affected the level of public approval? Or have the ways in which narratives were built in 2009 played a more significant role? In order to answer these questions, this paper relies on polls, content analysis of parliamentary debates, and public discourse analysis (2001–2011).

If you are interested in strategic narratives look also at here, here, here, and (in Italian) here.

 

Share Button

Venus in Arms at ISA (II)

img-post

(Ansa)

 

Some military interventions are more popular than others

By Fabrizio Coticchia

I have been part of a panel called “Military Intervention and Public Opinion: Does the Public Matter?” at the ISA Annual Convention (Toronto, 26-29 March). The (lively) discussion aimed at answering such intricate question from different perspectives. Dissimilar views remained at the end of the day. However, also looking at the literature no consensus emerges on this issue.

According to some scholars, public opinion is almost irrelevant. For instance, Sarah Kreps illustrates how Western public opinion did not influence the government decisions and alliance cohesion in the case of the military operation in Afghanistan. As stated by Kreps: “Despite the unpopularity of the war, leaders have largely bucked public opinion and neither reduced nor withdrawn troops from NATO-led operations in Afghanistan”. Elite consensus seems to be “the reason why leaders are not running for the exits in Afghanistan when their publics would prefer that they do”. The article shows that operating through a formal institution (such as NATO) creates systemic incentives for sustained international cooperation.

Other scholars, while confirming the crucial role played by elite consensus, point out the impact of public opinion. Looking at the Italian mission in Iraq, Jason Davidson highlights the “importance of the electoral motive to explain the timing and nature of the government’s decisions” (indeed, the Italian public was very critical towards “Ancient Babylon”). After the war in Vietnam, several empirical studies have portrayed the public as rational, better informed, not so easy to manipulate and more influential than expected. Even according to the Weinberger doctrine (1984) the support of public is an indispensable condition for undertaking a military operation abroad. In a sense, the massive communication efforts by the governments in the case of war (remember G.W. Bush?) would be totally useless in the case of irrelevance of the mass public.

Thus, probably the most fascinating question is another: What are the explaining variables that guarantee a solid support for military interventions? Also in this case, the answers are more than the conspiracy theories surrounding the JFK assassination. Vital national interests at the stake, multilateral framework of the operation, aims of the mission (e.g., foreign policy restraints instead of regime changes) are the first possible explaining factors.

A significant number of scholars focus on the “perceived relative value” of the intervention, emphasizing how public opinion compares benefits (success) and costs (casualties) related to the engagement in a conflict. Others examine the role played by elites in shaping this “perceived relative value”.

Existing analyses have mainly illustrated government’s communications in case of war, but the features of the public discourse still deserve further consideration. Thus, a growing attention has been devoted to the concept of “strategic narratives”, defined by Freedman as:  “compelling storylines which can explain events convincingly and from which inferences can be drawn“. Ringsmose and Børgesen adopted “strategic narratives” to better understand the ways through which governments build a convincing rationale for a military operation abroad.

The paper  I’ve presented at the ISA (as my most recent book) assumes the same perspective. I believe that the role played by political leaders in shaping Italian public attitudes towards Italian missions abroad has been essential.

Paraphrasing The Smiths, why are some narratives more effective than others? The paper answers the question providing an original framework of “successful strategic narratives” for the case of Italian missions in Iraq, Lebanon and Libya (don’t’ worry, I have analyzed Afghanistan in other work…). Preliminary (very preliminary…) results show that strategic narrative proved to be “successful” in the Italian case when the following elements are present: bipartisan consensus over the central values of the narrative (peace, multilateralism and humanitarianism), limited degree of violence on the ground and absence of effective counter-narratives. A strategic narrative that binds all these aspects, through a prudent and low profile communication strategy, will have significant chances to provide support towards Italian military interventions abroad. The coming Italian operations (hopefully very far away) will verify my assumptions on “successful strategic narratives”.

(No more space in this post for the – useful – critiques provided by the discussant!)

Share Button